Home » Tag Archivi: token

Tag Archivi: token

Telegram: la criptovaluta che può funzionare

Telegram (dopo aver lanciato la sfida a whatsapp) è pronta a lanciarsi nel mondo delle criptovalute. Ha intenzione di farlo in grande stile, con una ICO pazzesca, come mai se ne sono viste. Segnale, questo, che le valute virtuali hanno ormai compiuto un salto di qualità: da fenomeno bizzarro a oggetto del desiderio dei grandi player internazionali. Ad attrarre sono le potenzialità, soprattutto in campo tecnologico, anche perché le infrastrutture che stanno alla base delle criptovalute appaiono già oggi in grado di dare un nuovo impulso non solo alle tematiche monetarie ma anche a quella della cibersecurity.

telegram

Da quando la notizia è stata diffusa, gli esperti ma anche i semplici appassionati hanno iniziato a interrogarsi sulla qualità del progetto. La nuova criptovaluta di Telegram ha le carte in regola per ritagliarsi un posto di primo piano nel già saturo panorama crypto? E’ in grado di insidiare il primato di Bitcoin ed Ethereum? Prima di rispondere a questa domanda, o meglio lanciarci in qualche previsione, è bene ricapitolare numeri e finalità del progetto.

Telegram e la nuova criptovaluta

La ICO dovrebbe essere lanciata entro la fine di marzo. Dunque, è ancora tutto di là da venire. Alcune informazioni, però, hanno già iniziato a circolare con una certa insistenza. Per esempio, l’entità della ICO stessa, che è semplicemente enorme. Si parla, infatti, di una cifra pari a 1,2 miliardi di euro. Mai prima d’ora si era vista una ICO di questa dimensioni. Il record attuale (ricordiamo che il progetto di Telegram deve ancora iniziare) è detenuto da Filecoin, che ha raccolto 257 milioni di dollari per un progetto che, a rigor di termini, consisteva, più che nella creazione di una valuta virtuale, in una modifica della blockchain finalizzato a condividere la memoria inutilizzata dei pc.

Entra nel canale telegram di Guidatrading

Ad ogni modo, Telegram è pronta a mettere (anzi, a farsi mettere) sul piatto della bilancia 1,2 miliardi di dollari. Non tutti, però, andranno a comporre la liquidità della nuova valuta. A questa è riservato il 44% del totale. Il resto andrà al team di sviluppo (4%) o costituirà una quota di riserva (52%). Le stime parlano giù di una emissione di token pari a 500-600 milioni di dollari.

Quali caratteristiche avrà la nuova criptovaluta di Telegram?

Per ora si conosce il nome, Gram, e poco altro. Un’altra informazione attendibile suggerisce che il progetto fa parte del Telegram Open Network, una rete finalizzata a creare un protocollo multifunzione ispirato alla tecnologia della blockchain, in una prospettiva secondo cui, nel prossimo futuro, il pagamento mediante criptovaluta sarà alla portata di tutti. I passaggi che il TON promette di percorrere riguardano la risoluzione dei problemi di scalabilità, velocità e governance.

GRAM funzionerà?

Ancora sono pochi gli elementi per rispondere a questa domanda, sebbene il progetto stia nascendo sotto i migliori auspici. Tuttavia, è possibile individuare tre fattori che fanno pensare a un successo di GRAM, e finanche alla sua capacità di imprimere una svolta nel mondo crypto. Ecco quali.

  • Base consolidata. Il periodo più critico di una criptovaluta è costituito dai mesi successivi alla sua nascita, in quanto è cruciale per acquisire una base di utilizzatori e/o investitori tali da sostenere la sua presenza nel mercato. Ebbene, GRAM da questo punto di vista appare in grado di difendersi fin da subito. Potrà attingere, infatti, all’incredibile bacino di utenza di Telegram, che è costituito da 180 milioni di individui.
  • Potenza di fuoco. E’ raro vedere una criptovaluta in grado di reggersi sulle sue gambe al primo colpo. Molto spesso i progetti vengono rimaneggiati, l’infrastruttura protetta, ampliata e riarrangiata. Per fare ciò, occorrono risorse. Anche sotto questo profilo, il futuro di GRAM appare assicurato, o almeno non particolarmente foriero di pericoli. Dietro non ha un team di sviluppatori di nicchia, stile indie, bensì una società affermata e dotata di tutti gli strumenti necessari.
  • ICO gigantesca. E’ bene non sottovalutare i numeri. Un miliardo e due sono veramente tanti, anche se alla fine a comporre la liquidità sarà meno della metà. Una ICO di queste proporzioni è in grado di garantire alla valuta una base già eccellente, il terreno fertile per una entrata a regime in tempi record. Ovviamente, tutto dipenderà dalle reali caratteristiche della criptovalute, e non solo dei numeri a suo sostegno, ma si tratta certamente di un fattore molto positivo.

Open Trading Network Token per clienti IQoption

Il 2017 può essere ricordato come l’anno della cripto-economy in cui sono nate le basi per una nuova era finanziaria, economica e digitale.

Non tutti hanno ancora capito cosa sta accadendo nel mondo digitale con l’avvento della BlockChain e delle aziende che stanno nascendo. E’ tempo di innovazioni e di grandi opportunità per chi ha una visione aperta sul futuro.

E’ il caso di Open Trading Network che raccoglie in se Wallet, Exchange, criptovalute e Token.

E’ molto probabile che nel 2016-2017 sono nate aziende (ancora sconosciute) ma che nel giro di pochi anni rivoluzioneranno il nostro mondo digitale come:

  • memorizzare dati in sicurezza

  • nuovi metodi di transazioni finanziarie sicure, affidabili, tracciabili o anonime

  • invio e trasmissione di informazioni con grande attenzione ai costi o alla privacy

E’ molto probabile che alcune di queste nuove aziende, fra 2 o 5 anni, saranno molto importanti e conosciute come è successo già nell’era della nascita di internet con Amazon, Microsoft, Apple, Facebook e Google.

E’ molto probabile che alcune di queste aziende che oggi valgono poco, nel futuro avranno un valore 50, 100 o 500 volte quello attuale.

Open trade network

Token, Ico e criptovalute

La prima rivoluzione in atto è già conosciuta con i termini di ICO (leggi QUI), Token e Criptovalute. Ovvero nuovi metodi per raccogliere denaro dagli investitori, investire e crescere e che ragiona al di fuori delle regole attuali (niente controlli da parte di enti come la Consob) e accessibili anche a chi vuole investire solo 100 euro.

In breve possiamo dire che le ICO sono paragonabili alle IPO (ovvero prima offerta ai mercati delle azioni), i Token sono paragonabili alle azioni e le criptovalute sono le nuove monete digitali.

Con le criptovalute è possibile comprare Token, partecipare alle ICO o scambiarle con altre Criptovalute.

Con Open Trading Network (sviluppato dal team di IQoption) è possibile comprare, conservare o scambiare 12 tipologie tra token e criptovalute come:

  • Bitcoin
  • Litecoin
  • Ethereum
  • Omisego
  • Zcash
  • Dash
  • Monero
  • Ripple

E questo mese nascono pure i Token OTN che sono accreditati ai clienti IQoption che fanno trading attivo su criptovalute in proporzione al loro volume di trading. Più si investe e maggiore sarà il numero di token OTN accreditati.

Il vantaggio dei detentori dei token OTN è il loro possibile valore futuro in forte ascesa e la possibilità di utilizzarli per comprare altre criptovalute.

E’ il primo caso in Europa in cui un’azienda finanziaria lancia il proprio progetto di exchange e Token dedicati ai clienti e che può creare valore nel futuro e interagire anche con altri wallet ed exchange.

Infatti è molto probabile che i token OTN saranno scambiabili anche su altri exchange in giro per il mondo finanziario.

Il valore delle criptovalute oggi e futuro

Quello che è successo fino ad oggi è questo: ogni criptovaluta creata ha aumentato il proprio valore in modo esponenziale in pochi mesi / anni… ad esempio il Bitcoin è passato dai 15 dollari ai 5500 dollari.

La cripto-economy ha creato nuovi milionari digitali. La verità è questa… la creazione di un nuovo mercato parallelo di un valore sproporzionato, enorme.

Wallet & Exchange

Un altro nuovo impatto nella vita degli investitori digitali è l’avvento dei wallet dove si possono “memorizzare” in sicurezza tutti i Token e le criptovalute acquistate. Ci sono tanti investitori che stanno acquistando Token e valutando di rivenderli fra qualche anno quando si presume possano avere un alto rendimento.

In parallelo sono nati anche gli Exchange, ovvero servizi privati che permettono di comprare e vendere token e criptovalute e che quindi offrono quotazioni in tempo reale e aggiornate.

A tal fine vi consigliamo di informarvi sui seguenti progetti di Wallet e Exchange di grande rilievo:

Cosa sono le ICO e perché sono importanti per il mondo delle criptovalute

ICO è l’acronimo di Initial Coin Offering. Il concetto, e anche il termine a dire il vero, è simile a quello di IPO, Initial Pubbling Offering, molto noto nel contesto azionario. Le similitudini sono numerose. Le aziende che si quotano in borsa lo fanno per essere finanziate, e lo stesso vale per le aziende – anzi i progetti – che intendono finanziarsi attraverso le ICO. Le differenze principali sono due:

  • Le IPO si posizionano all’interno del sistema finanziario internazionale. Le ICO agiscono al di fuori di esso.
  • A seguito delle IPO, vengono rilasciate delle azioni. A seguito delle ICO vengono rilasciati dei token.

Le ICO sono considerate, inoltre, strumenti affini al crowdfunding.

D’altronde si parla di contesti, almeno sulla carta, informali per quanto regolamentati. Si parla, soprattutto, di metodi di acquisizione di un capitale. Alla base delle ICO, infatti, vi sono, più che aziende, dei veri e propri progetti, o almeno delle start up. E qui si giunge all’informazione forse più importante. Le ICO sono utilizzate soprattutto per finanziare progetti di sviluppo delle criptovalute. Lo strumento del token, da questo punto di vista, è quanto mai azzeccato al contesto. Consente, infatti, che il titolare del token, a seguito della sua “donazione” possa godere, in tempi più o meno lunghi, di un ritorno dell’investimento. Una possibilità, questa, che– di default – non riguarda il crowdfunding.
ico criptovalute

Le ICO: uno strumento complesso.

Ecco qualche info più specifica.

Il funzionamento. Una start-up o una qualsiasi realtà che vuole avviare un progetto (anche la creazione da zero di una criptovaluta), decide di puntare sulla ICO per finanziarsi. Viene creato un piano di business, un documento disponibile a tutti i potenziali investitori con tutti i dettagli del caso.

I token. La partecipazione degli investitori viene certificata con il rilascio del token. Nel caso delle criptovalute, acquisire un token vuol dire acquisire, in un prossimo futuro, una quantità prestabilita della futura valuta digitale. E’ l’azienda stessa a decidere la quantità di token disponibili, il costo di ciascun token, la quantità di valuta corrispondente a un token.

Il prezzo da pagare. Se si parla di criptovalute, è possibile partecipare a una ICO solamente mediante l’utilizzo di altre criptovalute. Per acquistare un token, quindi, non è possibile pagarne il prezzo in euro o in dollari. Sono generalmente accettati, invece, ethereum e bitcoin.

I rischi. Ebbene, sono numerosi. In primo luogo, perché quello delle ICO non è un mercato regolamentato, come è invece quello del crowdfunging e, soprattutto, quello azionario (ai quali le ICO fanno riferimento). Il rischio di frode, quindi, è dietro l’angolo.

Alcune offerte presentate come ICO o come Token nascondono tentativi di truffe, scam o schema ponzi da evitare assolutamente. Prima di aderire a qualsiasi tipo di ICO è bene informarsi in modo approfondito.
the rock trading exchange bitcoinMalta
Team italiano
Deposito con bonifico
coinbase gdaxCalifornia - USA
Deposito con Bonifico, Carte di credito o prepagate
otnIQoption Exchange 2018
Short & Long
Leva fino a 1:20
Ordini condizionati
Api access
Carte di credito accettate
otnBinance è un exchange con una propria criptovaluta e offre commissioni di negoziazione competitive
otnHitBTC è uno dei più importanti exchange dove tradare Token e ICO

Per adesso, comunque, non vi è notizia di frodi o progetti falliti in partenza. Il consiglio, comunque, è quello di leggere attentamente il piano di business, analizzarlo con cura in maniera da fiutare in anticipo la eventuale truffe. Sia chiaro, non tutti i progetti si concludono felicemente. Molto spesso chi ha acquistato i toker gode di un ritorno dell’investimento al di sotto delle aspettative (perché magari la nuova valuta, una volta entrata nel mercato, si deprezza). Ciò non toglie che le ICO stiano vivendo un periodo particolarmente positivo.