Home » Tag Archivi: candele giapponesi

Tag Archivi: candele giapponesi

+35% in 24 ore: trading opzioni Plus500 – scopri come guadagnare

Capire i grafici Forex

Come riuscire a capire la struttura dei grafici Forex? così da trovare il modo giusto per guadagnare con una strategia basata proprio sulla visualizzazione di rappresentazioni basate su tematiche di analisi tecnica e statistica?

Innanzitutto, è bene sapere che la consultazione dei grafici è altamente consigliata e praticamente necessaria per togliersi soddisfazioni con una certa continuità. Il trading richiede preparazione e l’azzardo può portarci all’incasso soltanto con una mossa fortunata, mentre nel lungo periodo a far la differenza è proprio l’approccio strategico.

Andremo ora a studiare una strategia disponibile presso la maggior parte dei broker, ossia il metodo delle candele giapponesi, di cui sicuramente avrete già sentito parlare, senza però capire in realtà a cosa ci si riferisce.

Forex candela strategia

Conosciuti anche con il nome di “candlestick”, i grafici a candela danno vita ad una delle strategie trading maggiormente applicate dagli esperti del settore. Le candele che appaiono nel grafico sono, nella maggior parte dei casi, di colore verde o rosso, ma esistono anche le varianti che sostituiscono al verde il bianco e al rosso il nero. Quelle che prenderemo ora in considerazione sono le candele verdi e rosse, dal momento che i broker moderni sono soliti ad usarle nelle loro piattaforme.

Come leggere un grafico candele

Per andare a studiare a fondo la strategia, bisogna saper interpretare le candele che visualizziamo nel nostro grafico. E’ necessario sapere che una candela verde appare per testimoniare la superiorità del prezzo di chiusura rispetto a quello di apertura di un determinato mercato, mentre una candela rossa sta a significare l’esatto contrario. La lunghezza della candela, invece, dipende dal tempo di durata della diminuzione o dell’aumento di valore: più il corpo è breve e maggiore è la durata con cui il valore è cambiato.

Ecco la migliore raccolta di materiale di studio delle varie candlestick per il trading online:

  1. Come leggere le candele giapponesi
  2. Reversal Pattern candlestick
  3. Reversal Pattern advanced candlestick
  4. Candlestick intraday
  5. Shooting Star candlestick
  6. Doji candlestick
  7. Doji + TrendGT
  8. Long White e Long Black candlestick
  9. Power candlestick trading system
  10. Pinbar candlestick
  11. Breakout inside bar
  12. Harami e Tweezers candlestick
  13. Morning e Evening star candlestick

In questo video ho analizzato alcuni grafici con le candel giapponesi (indice dax, azioni Volskwagen, azioni BMW e altre azioni del settore automobilistico) e tramite la piattaforma di Plus500 ho aperto alcune posizioni in opzioni:

Apertura posizioni di trading online con Plus500

Candele giapponesi forex

Come mai si sente spesso parlare di candele giapponesi? Capire che cosa significa è veramente semplice e vi basta aver compreso il senso descritto nella sezione sopra. Parlare di candele semplici o candele giapponesi è esattamente la stessa cosa, ma andiamo ora a scoprire da cosa deriva questo simpatico appellativo che collega al Paese asiatico.

Il significato è storico ed è dovuto al fatto che il grafico a candela, oggi molto utilizzato nel Forex, è nato proprio in Giappone qualche secolo fa, quando investimenti, internet e mercato valutario non esistevano neanche. Tutto nasce dal commercio del riso, per il popolo nipponico un alimento molto importante, il quale veniva preso in seria considerazione anche per le previsioni future. Così, lo strumento più utilizzato ai tempi erano proprio le nostre candele, sicuramente in una variante più semplice ma con una struttura analoga.

13147

Il forex trading semplice

Chiudendo con la nostra guida, dopo aver parlato a fondo del grafico a candele giapponesi, è bene fare un accenno anche al trading Forex più semplice che si possa fare, ossia gli acquisti che avvengono tramite la semplice analisi del prezzo di una valuta in funzione di un’altra valuta, dato proprio dal tasso di cambio in vigore nel mercato valutario.

Ecco come sono state chiude le posizioni aperte durante il video sopra dopo solo 24 ore di contrattazioni:

500 euro in 24 ore con il trading aziondi di Volkswagen e BMW e altre 900 euro con il Dax Trading

Con un approccio semplice si va a guardare l’andamento storico di una certa coppia di valute sul mercato, ma la fiducia dell’investitore non dovrà semplicemente consistere in una rapida “occhiata e via” del trend che sta attraversando l’Euro/Dollaro, Euro/Sterlina o giù di lì, ma dovrà unire questo fattore (comunque molto importante) alla ricerca di informazioni collegate alle due valute prese in considerazione. Ci si potrà così documentare attraverso il calendario economico, ottimo strumento per fare trading, oppure semplicemente con le notizie che reperiamo da quotidiani online specializzati in tema di economia e finanza.

Japanese Reversal pattern candlestick

pattern di inversioneUna parte dell’analisi tecnica, chiamata analisi grafica o chartismo, consiste nello studio delle candele allo scopo di predire il futuro trend di un sottostante come valute forex, azioni, indici o materie prime. Ingrediente essenziale è il grafico a candele. Queste infatti formano spesso delle configurazioni – dette parttern – in grado di fornire i segnali. Tra i pattern più importanti spiccano i reversal, la cui funzione è proprio quella di annunciare una inversione del trend.

Prima di leggere sotto potresti essere interessato a

Leggi Articolo »

Come usare le candele giapponesi – parte 1

Già in altri articoli all’interno del nostro sito abbiamo discusso sulle candlestick giapponesi, adesso cercheremo di dare maggiori delucidazioni sulle principali figure di analisi tecnica con le candele grafiche che caratterizzano principalmente il trading opzioni binarie

Come sappiamo la metodologia delle candlestick permette di studiare la forza del trend rialzista o ribassista attraverso le candele. Osservando attentamente la forza ed il colore del body delle candele si ha immediata percezione del possibile trend futuro. La metodologia candlestick può essere applicata a tutti i timeframe dai grafici a un minuto fino ai grafici mensili.

Due semplici figure di Candlestick

Nella figura sottostante è rappresentato un diagramma che mostra due esempi di formazioni Candlestick. Nel caso in cui abbiamo un valore di chiusura inferiore a quello di apertura, il body viene rappresentato con un colore solitamente nero o rosso, mentre l’opposto è rappresentato con una candela bianca o verde. Quando invece il valore di chiusura corrisponde a quello di apertura si forma una candela chiamata Doji che è rappresentata da una linea orizzontale. Le ombre superiori o inferiori raffigurano le estremità del prezzo durante l’intero periodo di riferimento.

trading opzioni binarie candele giapponesi
 

Hanging Man e Hammer

Le Hammer e le Hanging Man sono rappresentate da candele con ombre lunghe di una dimensione almeno doppia rispetto al corpo reale delle candele. I corpi delle candele si trovano all’estremità superiore dove il colore non rappresenta un dato importante (come raffigurato nelle immagini sottostanti)

opzioni binarie candele giapponesi candlestick opzioni binarie

Differenze tra hanging men e Hummer

Come possiamo notare dalle immagini, le candele sono disegnate allo stesso modo, ma si differenziano per tre aspetti fondamentali:

  1. L’Hammer si verifica dopo un trend ribassista mentre l’hanging man si verifica dopo un rally rialzista;

  2. L’Hammer ha valenza nei trend di breve termine mentre l’Hanging Man si presenta dopo un prolungato rally;

  3. L’Hammer non richiede conferme con altre candele mentre l’Hunging Man deve avere una conferma prima di prendere una posizione sui mercati.

Il Trader per ottenere dei risultati positivi, deve dedicare maggiore attenzione alle candele con ombre corte e piccoli Body. Le candele di Hammer e Hanging man che hanno delle ombre lunghe sotto il body, per esperienza riducono la propensione all’acquisto mostrando una chiusura sotto i massimi precedenti. Poiché normalmente rappresentano un segnale Bullish, è raccomandato che i traders aspettino dei rallies esaustivi e una conferma prima di posizionarsi al ribasso e vendere al formarsi di un Hanging man. Un’apertura inferiore o una chiusura sotto il body soddisfa questa conferma che dipende dalla preferenza di rischio.

Segue Parte 2

Gli indicatori forex migliori

Indicatori forex migliori

Non è sempre facile stabilire quali e quanti siano gli indicatori forex migliori, ma risulta invece semplice capire che anche il migliore indicatore va interpretato, quindi, di fondamentale importanza risulta essere la preparazione del trader in merito all’analisi tecnica forex.

Esistono molti indicatori che presentano caratteristiche diverse e che possono essere utilizzati in casi diversi tra loro. Se dovessimo operare una scelta tecnica in una tendenza laterale potremmo prediligere l’oscillatore rsi e scartare ad esempio la media mobile che in tal caso darebbe troppi falsi segnali.

Non esistono indicatori forex migliori di altri, esistono sicuramente degli indicatori utili in determinate circostanze. La prima cosa da fare è non riempire il grafico di indicatori, ce ne devono essere massimo tre, ed uno di questi deve essere il volume.

Ricordiamo che anche il prezzo stesso è un indicatore fondamentale, mentre molti trader si specializzano nell’analizzare invece gli indicatori, quando dovrebbero invece imparare ad analizzare il prezzo.

I Migliori indicatori per il Forex

Se volessimo stilare una sorta di classifica dei migliori indicatori, diciamo pure i primi tre indicatori essenziali nell’analisi del prezzo, allora, potremmo iniziare così:

1°. Il prezzo: il prezzo risulta essere il primo indicatore, possibilmente utilizzando un grafico di tipo candlestick in cui si possono trovare moltissime informazioni utili a stabilire cosa sta succedendo nel mercato. Per analisi del prezzo si intende anche tracciare le relative trend line e imparare le formazioni candlestick di inversione e di continuazione.

2°. Il volume: il volume di scambi risulta essere molto importante soprattutto se ci troviamo a definire se una determinata tendenza è nella sua fase finale o meno, oppure, se è in atto una inversione di tendenza o se ci troviamo in presenza di un falso segnale. Un’analisi attenta del volume può farti risparmiare molte posizioni che si rivelerebbero sbagliate e che, di conseguenza, ti farebbero perdere soldi.

3°. L’rsi: questo oscillatore è molto importante perché evidenzia le zone di iper-comprato e di iper-venduto del prezzo. Ovviamente l’RSI, essendo un oscillatore, non va utilizzato nelle fasi in cui la tendenza assume una direzione ben precisa, ma si utilizza, ed è molto importante utilizzarlo, nelle fasi laterali di mercato. In queste fasi l’RSI ci da moltissime indicazioni utili per valutare l’inversione o la prosecuzione di tale tendenza.

Formazioni candlestick: la shooting star

Strategia opzioni binarie

Una delle candlestick più interessanti è proprio la Shooting star, tale formazione si presenta come un pattern di inversione in cui l’ombra superiore è lunga almeno il doppio rispetto al corpo.

Una Shooting star da manuale si presenta subito dopo un gap di un trend rialzista e vicino ad un punto di resistenza. Purtroppo tale situazione non si verifica quasi mai, ma il segnale di inversione è comunque valido anche in assenza di gap.

La candela ha significato solo se ci si trova in presenza di un trend rialzista e se l’ombra della Shooting star supera la linea di resistenza del prezzo.

Tale situazione indica che i compratori, nonostante abbiamo spinto il prezzo oltre la linea di resistenza non sono riusciti a vincere sui venditori che hanno riportato il prezzo all’interno della resistenza.

Ciò indica un indebolimento del trend rialzista, tale indebolimento si riflette anche sui compratori che inizieranno a vendere facendo scendere ulteriormente il prezzo.

La Shooting star è una candlestick molto affidabile e si può utilizzare sia negli investimenti a medio-lungo termine sia nel trading intra-day.

LA SHOOTING STAR NELLE OPZIONI A 60/s

Tale candela risulta utilissima quando ci si accinge ad investire in opzioni binarie a 60/s, per avere le probabilità a favore si deve necessariamente rispettare quelle che sono le caratteristiche descritte sopra, ossia, la candela deve fare la sua comparsa in un trend rialzista e in prossimità della resistenza, superandola prima di ricadere al suo interno. La strategia da attuare è di comprare una opzione binaria a 60 secondi di tipo put. Il grafico ovviamente deve essere i postato in M1, cioè, ogni candela ha la durata di 60 secondi.

Candele Giapponesi: Principali pattern d’inversione

Dopo una sostanziosa introduzione alle candele giapponesi , dove abbiamo visto come si costruiscono e come si leggono, adesso cercheremo di sfruttare L’analisi Candlestick per cercare di predirre l’andamento dell’assit di una opzione binaria.

Le candele Giapponesi, sia bianche che nere, possono assumere diverse forme. Ognuna di esse rappresenta il mercato in un suo particolare momento, ed ovviamente riflette l’uomore degli investitori (acquirenti e venditori).
L’essere umano sappiamo bene essere particolarmente complesso, ma in linea generale nelle stesse situazioni tende a reagire sempre allo stesso modo.

Tutto ciò ci permette di utilizzare l’analisi Candlestick, o analisi delle candele giapponesi, come sistema statisticamente affidabile per prevedere i movimenti del mercato, e di conseguenza per realizzare profitti.

Il metodo delle candele è praticamente adottato da tutti i trader come uno degli strumenti più efficaci ed attendibili, anche se non privo di rischi ed errori. Ovviamente, piuttosto che analizzare singole figure estromesse dal contesto, appare opportuno affidarsi a combinazioni e successioni di candele (pattern) che permettono di predirre con maggiore accuratezza l’andamento di un titolo.

L’analisi delle candele giapponesi si articola principalmente su due gruppi di pattern:

1. Pattern di continuazione
2. Pattern di Inversione

A sua volta, i pattern d’inversione si distinguono in Bullish Reversal e Bearish Reversal, a seconda se prevedono l’inversione di un trend di crescita o di un trend di ribasso.

Com’è facilmente intuibile, se i pattern di continuazione cercano di prevedere se il trend in corso è in grado di continuare, i pattern d’inversione al contrario, analizzano eventuali interruzioni del trend con possibilità d’inversione nella direzione opposta.

Altre Lezioni di Trading Gratis QUI

Esistono centinaia di candlestick che forniscono informazioni sia di continuazione che di inversione, ma per quanto ci riguarda ci occuperemo solamente delle figure più importanti, ovvero di quelle che offrono segnali molto forti e particolarmente affidabili.

Tipi di candele giapponesi

La Doji line

La Doji line è una candela con prezzo di apertura e prezzo di chiusura identico, o comunque molto simile. Questo vuol dire che esso non dispone di un corpo, cioè di un real body e si presenta come una asticella con un corpo millimetrico o assente. Se il corpo è piccolo, ma comunque presente si parla anche di Spinning Top

In basso degli esempi di Doji

La Doji line esprime generalmente un mercato indeciso, dove né i compratori, né i venditori sono riusciti a prevalere sull’altro operatore.
Quando si sussegue ad altre doji o candele simili indica una fase di stallo, in forma isolata può indicare un segnale di inversione di tendenza.
Se segue una candela lunga, può segnalare che il precedente andamento del mercato si è fermato.

Generalmente, real body molto piccoli, come nel caso delle Doji o delle spinning top, indicano indecisione. Più il corpo si allunga, più significa che il mercato è in movimento.

Marubozu line

La Marubozu line, sia quella bianca che quella nera, è una candela lunga con assenza di shadows, sia upper che lower, cioè delle asticelle che stanno sopra e sotto il corpo della candela

Le Marubozu si presentano graficamente come dei rettangoli, neri o bianchi, e questo significa che i prezzi di apertura e di chiusura del titoli sono esattamente i prezzi minimi e massimi raggiunti. Le Marubozu non si trovano spesso ed indicano forti inversioni di tendenza. Sono infatti un chiaro segnale che qualcosa è cambiato.

Quindi, se trovate una Marubozu nera dopo un trend rialzista, questo è il segnale che il trend si è invertito ed il titolo inizierà a calare. La seconda candela nera dopo la marubozu rafforza il segnale.
Se trovate una marubozu bianca che segue un trend ribassista, la candela segnala una inversione in senso rialzista. Anche in questo caso la seconda candela dello stesso colore dopo la Marubozu rafforza la previsione.

In basso un esempio di inversione con Marubozu nera (alcuni software utilizzano il colore rosso che meglio ricorda fasi di ribasso, ed il colore verde per la crescita)

Hammer e Hanging Man

Si tratta di due figure molto popolari, tra l’altro offrono buoni segnali anche singolarmente al di fuori di pattern.

Il loro nome, (Hammer si traduce con Martello mentre Hanging Man con uomo impiccato) viene utilizzato perché l’hammer ricorda appunto un martello, mentre l’Hanging Man un uomo impiccato, forse con troppa fantasia.

Si tratta di due candele giapponesi il cui colore non è particolarmente importante, infatti, ciò che conta è la mancanza di una shadow, quella inferiore per l’ Hammer, e quella superiore per l’Hanging man.

Al termine di un trend negativo la candela binaca predice un inversione verso un trend positivo, mentre al termine di un trend positivo la candela nera precide l’inversione verso un trend negativo.

Com’ è facile notare, le due candele si caratterizzano per un real body piuttosto contenuto, e per la singola shadow pronunciata, almeno due volte l’altezza del body.

Se la sessione si chiude con una delle due candele giapponesi, e la seguente sessione si apre con un Gap di prezzo, questo è il segnale che conferma il trend d’inversione.

Shooting Star

Si presentano con la upper shadow molto lunga sia le bianche che le nere, se segue un andamento di rialzo è segnale di calo del mercato, quindi inversione di tendenza. E’ ipotizzabile puntare al ribasso.

Inverted Hammer

Molto simile alla Shooting Star indica il punto di minimo di una tendenza. La candela successiva mostrerà probabilmente una crescita. Se due candele bianche seguono una Inverted Hammer è il segnale che il mercato è ritornato a crescere.

opening bozu  e closing bozu

Sono candele che a livello di segnali assomigliano a delle Marubozu ma con minore potenza. Le opening bozu mancano di upper shadow (figura 1), mentre le closing bozu mancano di lower shadow

Lower Shadows e Upper Shadows

Se la lunghezza del real body è pronunciata, sia per le candele bianche che per quelle nere, questo è un forte segnale di inversione della tendenza. Se invece il real body è corto, come per le doji indica indecisione, prezzi congestionati e mercato non direzionale.

Engulfing Line

E’ probabilmente considerato il segnale può potente ed affidabile. Esso indica la completa inversione di tendenza del mercato.

Se la prima candela è completamente incorporabile dalla seconda candela, questo è il segnale che si è realizzata una forte inversione di tendenza. Nei due esempi vediamo che nel primo caso la candela nera supera completamente quella bianca, questo è il segnale che il mercato è in calo (bearish engulfin ). Una seconda candela nera garantisce questa inversione. Nel secondo caso è invece quella bianca che supera quella nera e viceversa indica una crescita del mercato (bullish engulfin). Anche in questo caso una seconda candela bianca conferma l’inversione.

Questo pattern è caratterizzato dai seguenti elementi:

  • La Engulfing è composta dalla successione di due candele giapponesi di colore opposto, nella Bearish Englufing la sequenza è bianco-nero, nella Bullish Englufing nero-bianco
  • La seconda candela ingloba interamente il real body della prima

Piercing Line

Anche la piercing line è un potente segnale che interessa una forte inversione di tendenza.
Ad una prima candela molto lunga, con un forte trend ribassista, ne segue una bianca anch’essa molto lunga che segnala una completa inversione di tendenza con trend rialzista.

Per essere valida la piercing line deve però presentare alcune caratteristiche:

  • Passaggio da un trend ribassista ad uno rialzista.
  • La chiusura della candela bianca deve superare di oltre la metà il corpo della nera.
  • Una seconda candela bianca dopo la prima conferma il trend rialzista.

Più il corpo della candela nera è lungo, maggiore sarà l’affidabilità.

dark-cloud cover

E’ l’opposto della Piercing Line. Prima candela bianca, poi candela nera. La candela nera è più alta di quella bianca ed anche in questo caso deve superare la metà del corpo della bianca. L’immagine spiega tutto.

Confronto tra dark-cloud cover e Piercing Line

Morning Star ed Evening Start

Si tratta delle principali figure Star che delineano un preciso andamento in quanto articolato in tre fasi successive.

La Morning Star si presenta con una prima candela long che spiega un trend fortemente ribassista, poi segue una candela bianca con un piccolo body ed entrambe le shadows ridotte (candela star), infine una terza lunga candela bianca che si allontana molto dal massimo della seconda.

La Evening Star invece presenta le stesse fasi della morning ma con colori opposti

 

Formazioni candlestick: Doji lines

Le candlestick hanno assunto un ruolo fondamentale nell’analisi tecnica, questo perché risultano essere molto più precise di molti indicatori, inoltre, risultano particolarmente utili sia negli investimenti a breve termine, sia in quelli a lungo termine, un altro utilizzo che se ne può fare riguarda gli investimenti in opzioni binarie.

Doji lines

Candlestick doji lines

Questa candela è molto particolare sia rispetto al suo aspetto, completamente diverso da quello delle altre, sia in riferimento all’informazione che ci da. La Doji lines è una candela il cui prezzo di apertura coincide con quello di chiusura, praticamente è assente il corpo della candela che prenderà la forma di una linea. Questa candela ci indica una situazione di incertezza di mercato, l’incertezza è dovuta al fatto che le forze, ossia, i venditori e i compratori, hanno raggiunto un equilibrio, pertanto non si può sapere in che direzione il mercato tenderà. Questa affermazione è vera solo se non ci si trovi in punti di minimo e massimo di mercato, in tali circostanze la Doji lines indica che la tendenza è giunta al termine, poiché le forze dominanti non sono riuscite a superare quelle che precedentemente hanno superato.

CONSIGLI UTILI

Bisogna fare molta attenzione ad operare quando si forma la Doji lines, tale candela non deve assolutamente essere considerata se non ci si trova in presenza di un minimo o di un massimo di mercato. Inoltre bisogna sempre aspettare il riscontro della successiva candela.

Per evitare falsi segnali risulta utile confrontare la Doji con l’indicatore RSI, tale indicatore esprime le zone di iper-comprato e di Iper-venduto, se la candela si viene a formare in quelle zone le probabilità di inversione di tendenza sono alte, in caso contrario risulta troppo rischioso aprire una posizione.