Home » Forex » Come sta reagendo l’euro alla crescita dell’Europa superiore alle attese

Come sta reagendo l’euro alla crescita dell’Europa superiore alle attese

Dopo tanti anni di crisi, pare che l’Europa stia rialzando la china. La crescita ha finalmente acquisito una velocità. Persino i paesi più in crisi, come appunto l’Italia, hanno stupito in positivo. Come ha reagito l’euro agli ultimi dati dell’economia? La risposta è “bene”, se si interpreta l’apprezzamento come una dinamica affidabile.

Il rafforzamento dell’euro

Certo, il rafforzamento dell’euro non è un fenomeno nuovo. Anzi, è da qualche anno che la moneta unica sta acquisendo vigore. Ha preso tuttavia letteralmente il volo proprio quest’anno, in concomitanza di un congiuntura economica favorevole che è andata consolidandosi. A fine settembre 2017, l’euro navigava intorno a quota 1,2. Se si considera che a gennaio si trova intorno all’1,03, si capisce come il trend rialzista non si sia rivelato semplicemente solido ma anche molto forte.


Tutto ciò può causare problemi sul fronte esportazioni? D’altronde la discesa avvenuta nel 2014 era stata cercata, e ottenuta, dalla BCE proprio alla scopo di favorire le esportazioni e importare ricchezza. Ebbene, secondo gli esperti, l’apprezzamento dell’euro non cagionerà danni in questo senso. Il motivo? Semplice: la dinamica dei cambi, apparentemente sfavorevole all’eurozona, verrà controbilanciata da una ripresa del commercio derivante proprio dalla migliorata situazione economica. Miglioramento che, a ben vedere, non riguarda solo il vecchio continente. E’ di questa idea anche la BCE, che nel consueto bollettino mensile ha riflettuto proprio su questo elemento. “La ripresa mondiale generalizzata”, hanno spiegato a Francoforte, “sosterrà le esportazioni dell’area dell’euro. L’attività economica mondiale dovrebbe segnare un moderato rafforzamento, basato sul costante sostegno delle politiche monetarie e di bilancio nelle economie avanzate e su una ripresa delle economie emergenti esportatrici di materie prime”.

I fattori che influenzeranno l’euro nel prossimo futuro

Com’è logico che sia, oltre che al fattore crescita, se si vuole dipingere un quadro oggettivo della reazione dell’euro è necessario anche fare riferimento a ciò che accade oltreoceano. Il cambio, infatti, è piuttosto suscettibile non solo alle notizie che giungono dall’Europa, ma anche a quelli che provengono dall’estero, in primis degli Stati Uniti. Un esempio? Il 20 settembre la Fed ha annunciato un nuovo rialzo dei tassi entro dicembre e il cambio euro-dollaro è crollato sotto l1,19. Allo stesso modo, le dichiarazioni rassicuranti del presidente Trump del 19 settembre (che paventavano una alternativa diplomatica ai venti di guarra in Corea), hanno spinto il cambio sopra l’1,2.

A stimolare la corsa dell’euro vi è comunque una inflazione troppo bassa, e che difficilmente raggiungerà quota 2% entro l’anno prossimo. Il ritorno, anzi il proseguimento a oltranza delle politiche espansive (che riguardano soprattutto il Quantitative Easing) potrebbero interrompere questa corsa e spingere la moneta unica a una serie di ribassi.

Non rimane, quindi, che guardare ai dati della crescita solo come uno dei tanti fattori in campo. A giocare un ruolo importante saranno le tensioni geopolitiche, le notizie dagli Stati Uniti e, soprattutto, le iniziative di politica monetaria messe realizzate dalla Banca Centrale Europea.

Dan Aran

Dan è un trader indipendente appassionato di finanza e studio di strategie forex intraday
AVVISO: I trading alert, segnali forex e ogni altra indicazione presente in queste pagine non devono essere considerati come consigli di investimento personalizzati ma frutto di libera espressione, studio e analisi degli autori. Non ci si assume responsabilità sulle conseguenze dell’utilizzo delle informazioni presenti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Metatrader: la migliore piattaforma trading

MetaTrader, o per meglio dire le soluzioni della serie “Metaquotes”, risultano tra le piattaforme trading più diffuse in assoluto per il forex. Sono le preferite dei broker forex e cfd. Sono pochi i broker forex che fanno riferimento a piattaforme proprietarie. La popolarità di MetaTrader è giustificata? La verità è sì. Il marchio, infatti, rappresenta lo stato dell’arte per una piattaforma di trading online, il giusto mix tra accessibilità (per i principianti) ed efficacia. MetaTrader ...