Home » News » Le Notizie cattive portano nuovi profitti?

Le Notizie cattive portano nuovi profitti?

Il Presidente della Federal Reserve Americana, Ben Bernanke, ieri ha parlato davanti alle commissioni economiche e bancarie del Senato e della Camera prospettando pessimismo e giorni cupi sul paese Americano.
Gli Stati Uniti sono in ansia per l’Economia a causa del debito in Europa che tutti conosciamo e che ci tocca in prima persona. Il problema del debito non è infatti solo Italiano, ma anche dell’Europa tutta, anche se sono alcuni paese quelli messi peggio.

La sua altra grande preoccupazione è invece la situazione occupazionale degli Stati Uniti, che di settimana in settimana non mostra alcun miglioramento. Tuttavia, nonostante tale triste palcoscenico dello stato attuale per l’economia degli Stati Uniti, senza dimenticare la situazione Europea, gli indici azionari hanno avuto una buona giornata e sono andati verso una direzione opposta.

La ratio di questa realtà è molto strana. Analisti di tutto il mondo sono convinti che a causa di tali cattive notizie, a causa del fatto che la situazione è così grave, la Federal Reserve sarà più incline a
stimolare l’economia americana e questo potrebbe far aumentare la scorte di lungo termine. Quindi il mercato è cresciuto nei giorni.

Ciò ci porta ad una conclusione: Prima di acquistare è bene valutare sempre le notizie che influenzano i mercati. I mercato non si muovono verso il basso o verso l’alto per capriccio, ma sono fortemente influenzati dalle notizie di spessore. E come dimostrato, anche da notizie negative è facile ottenere profitti.

Antonio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Le criptovalute e la nuova legge antiriciclaggio: conseguenze per gli investitori

Il legislatore si è interessato, forse un po’ inaspettatamente, alle criptovalute. Il riferimento, in particolare, è al legislatore italiano. Il Bel Paese, infatti, ha battuto sul tempo tutti gli altri, concretizzando, non senza una certa dose di discrezionalità, una direttiva europea che invitava gli stati membri a definire il ruolo degli intermediari delle criptovalute, in funzione antiriciclaggio. Ne è risultato un decreto legislativo, il n.90 del 2017, promulgato il 25 maggio ed entrato in vigore ...