Home » Guide Trading » Analisi Tecnica » Indicatori Volatilità nel Trading Online

Indicatori Volatilità nel Trading Online

GLI INDICATORI DI VOLATILITA’ PIU EFFICACI

Alcuni mercati, come il forex, sono particolarmente volatili. E’ un aspetto importante, da tenere d’occhio. Sono proprio i movimenti del prezzo a permettere al trader di guadagnare, dunque comprendere se un asset è più volatile del solito, è essenziale per redigere una buona strategia e trarne quindi un orientamento quanto più possibile fondato.

Gli indicatori di volatilità hanno lo scopo di analizzare la volatilità di un asset in un dato momento.

ATR (Average True Range)

L’indicatore ATR ha le seguenti caratteristiche:

  • Fornisce informazioni sulla durata del trend

  • Non fornisce informazioni sulla direzione del trend

  • Si basa sullo studio dei prezzi di chiusura dei minimi e dei massimi di sessione

  • Considera in genere 14 periodi

Un ATR basso indica che il mercato è calmo e i prezzi si stanno spostando entro un intervallo piuttosto breve. Di conseguenza, il trend è da considerarsi confermato.

Un ATR alto, di contro, indica che il mercato non si muove in laterale, con i prezzi che si spostano entro un intervallo consistente. La probabilità di inversione del trend è alta.

per approfondire lo studio dei grafici con l'ATR ti consigliamo questo articolo: https://guidatrading.com/2014/04/come-usare-lindicatore-atr/

ATR-ADX-Williams+trendGt

ADX (Average Directional Movement)

Simile all’ATR sebbene riesca a dare qualche informazione sulla direzione

Se l’indicatore ADX è superiore a 25, si può seguire una strategia di trend following. Se l’indicatore ADX è inferiore a 25, si può pensare al contro-following.

L’ADX ha solo una controindicazione: in caso di mercato che si muove in laterale, l’indicatore fatica inizialmente un po’ per riconoscerlo, sicché alcuni segnali in queste fasi devono essere presi con le molle.

per approfondire il trading con l'ADX ti consiglio di leggere qui: https://guidatrading.com/2012/10/forex-trading-come-investire-conoscendo-solo-ladx/

Oscillatore Williams %R

Il meccanismo è simile a quello dell’RSI e dello Stocastico. La funzione principale di questo indicatore è quindi fornire informazioni circa presunte situazioni di ipercomprato e di ipervenduto. Quando il Williams %R è sopra 80, vuol dire che l’asset si trova in ipercomprato, quando è sotto 20 l’asset è in ipervenduto.

L’oscillatore segnala molto efficacemente le situazioni di divergenza. La dirigenza ribassista è segnalata da un asset che registra nuovi massimi, in concomitanza di un Williams %R che fa massimi decrescenti.

La divergenza rialzista è segnalata invece da un asset che registra nuovi minimi, in concomitanza di un Williams %R che fa minimi decrescenti.

Antonio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Analisi tecnica: 3 consigli per praticarla a meglio

L’analisi tecnica è lo studio del grafico mediante tecniche e strumenti avanzati, il cui scopo è fornire segnali di entrata e di uscita dal mercato e, in generale, orientare l’investitore nella sua attività di trading. Un errore comune, soprattutto tra i trader poco esperti, è complicare un’attività che già di per sé non è semplice, impiegando tecniche farraginose e perdendo di vista i veri obiettivi dell’analisi tecnica. Ecco 3 consigli utili per ricondurre la propria ...