Home » Guide Trading » Fare scalping sui supporti e sulle resistenze

Fare scalping sui supporti e sulle resistenze

Uno dei modi migliori di fare trading veloce, ossia, di guadagnare denaro sfruttando le oscillazioni minime di prezzo è sicuramente lo scalping. Tale metodologia di trading si basa sull’apertura di posizioni veloci che durano anche pochissimi secondi. Ovviamente lo scalping richiede una certa presenza davanti al monitor del computer, quindi, non può essere considerata una tipologia di trading che non richiede tempo. Lo scalper infatti deve lavorare come se fosse in ufficio, come se svolgesse qualsiasi altro lavoro. Non tutti gli orari sono buoni per l’attività di scalping, infatti, bisogna sfruttare i momenti della giornata in cui il mercato presenta una maggiore volatilità. Possiamo, con una certa approssimazione, definire come orario di inizio le 9:00 e come orario di ” fine lavoro ” le 19:00. Risulta infatti inutile fare scalping quando i mercati sono meno volatili, si rischierebbe di perdere tempo e denaro.

UN SEMPLICE METODO PER FARE SCALPING

I supporti e le resistenze rappresentano la base del trading. Moltissimi trader, soprattutto quelli esperti, basano la loro operatività proprio su questi punti. Solitamente, per fare scalping, molti comprano sui punti di supporto e vendono su quelli di resistenza. Ovviamente tale metodologia non funziona sempre, ma garantisce al trader di avere le probabilità a favore, quindi, nel lungo periodo ai riescono a fare ottimi guadagni. Alla base di tale operatività c’è prima di tutto l’analisi dei grafici, base fondamentale di moltissime tipologie di trading system.

Molti trader però, sopratutto trader inesperti, non sanno bene come fare a tracciare tali linee, a tal proposito vediamo come fare utilizzando un esempio pratico.

Scalping supporti e resistenze

Il grafico che stai osservando rappresenta il prezzo dell’oro con time frame M5, il time frame che solitamente si utilizza per investimenti ” veloci “. Come puoi notare dal grafico ci troviamo in presenza di una tendenza ribassista che però non riesce a superare la linea di supporto che si è creata. Tale linea rappresenta un limite alla continuazione del trand. A questo punto aspettiamo che si verifichi un segnale di inversione di tendenza, il nostro segnale è rappresentato dalla pin candle che indica un esaurimento della tendenza ribassista. A questo punto apriamo una posizione di acquisto. La presenza della pin candle rappresenta un’ottima opportunità di investimento quando questa particolare candlestick fa la sua comparsa in una tendenza forte.

Antonio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Le differenze tra analisi tecnica e analisi grafica

Uno dei presupposti per un trading davvero efficace è l’analisi. E’ grazie all’analisi che le attività di investimento acquisiscono una carica di scientificità e il trader può operare con cognizione di causa. Esistono varie tipologie di analisi. Tecnica, innanzitutto, ma anche fondamentale e del sentiment. Un tipo di analisi di cui si sente parlare spesso ma che è allo stesso tempo oggetto di fraintendimento è l’analisi grafica, la quale viene sovente confusa con la tecnica. ...