Home » News » Ecco gli stipendi del potere Italiano, la crisi vale anche per loro?

Ecco gli stipendi del potere Italiano, la crisi vale anche per loro?

Basta una rapida occhiata per sorridere amaro e per capire che i problemi dell’Italia sono tanti, ma soprattutto che non toccano pochi eletti.

Le buste paga degli uomini del potere dimostrano quanto appena affermato, la crisi la sentono solo gli Italiani, i comandati, non chi li comanda e muove i fili.
Redditi da 2 – 5 milioni di euro, senza considerare patrimoni immobiliari, azionari ed altri titoli ed investimenti, buone uscite in caso di chiusura del rapporto di lavoro ecc ecc.

Monti dunque, con solo 1,2 milioni di euro non sembra poi così ricco!

Ci viene da fare alcune riflessioni e da chiederci se in questo periodo qualcuno non debba dare il buon esempio, anche nel privato.
E’ impensabile che un presidente o un amministratore delegato prenda 5 milioni di euro all’anno, e magari i dipendenti dell’azienda sgobbano tutto il giorno per un salario di mille euro.

Qualcosa non funziona! Purtroppo chi comanda non se ne accorge, o almeno finge di non vedere.
E’ vero, siamo nel libero mercato, e una società privata può pagare i suoi dipendenti quanto vuole, ma sproporzioni del genere sono inaccettabili.

Dati e immagine prelevate da (intoccabili.wordpress.com)
Clicca per ingrandire ed essere inviato alla fonte della notizia

Antonio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Le criptovalute e la nuova legge antiriciclaggio: conseguenze per gli investitori

Il legislatore si è interessato, forse un po’ inaspettatamente, alle criptovalute. Il riferimento, in particolare, è al legislatore italiano. Il Bel Paese, infatti, ha battuto sul tempo tutti gli altri, concretizzando, non senza una certa dose di discrezionalità, una direttiva europea che invitava gli stati membri a definire il ruolo degli intermediari delle criptovalute, in funzione antiriciclaggio. Ne è risultato un decreto legislativo, il n.90 del 2017, promulgato il 25 maggio ed entrato in vigore ...