Home » Guide Trading

Guide Trading

I migliori broker regolamentati FCA

Perchè ci si chiede spesso se stiamo lavorando con broker regolamentati FCA?

broker regolamentatiL’FCA è uno degli enti regolamentatori più importanti del mondo. Acronimo di Financial Conduct Authority, ha il suo quartier generale in Gran Bretagna. Completamente indipendente dal governo, ricopre funzioni di vigilanza e regolamentazione dei mercati finanziari. La prima funzione riguarda anche il mercato del trading online, dal momento che l’FCA è incaricata di rilasciare le licenze ai broker forex e di CFD.

La storia della FCA

La FCA (Financial Conduct Authority) ha una breve storia alle spalle. E’ stata infatti create nel 2013, anno in cui ha raccolto l’eredità della FSA, la Financial Service Authority, che però aveva nelle realtà “macro” il suo principale terreno di competenza. La ragion d’essere della FCA consiste nella vigilanza dell’intero panorama finanziario, nonché in una omogeneizzazione del comparto, a prescindere dalla grandezza e dagli ambiti dei contesti oggetto di vigilanza.

Cosa fa nello specifico la FCA?

Le attività principali sono tre.

  • Supervisione delle attività delle banche, delle società di intermediazione finanziaria, dei broker.
  • Operazione di stimolo della concorrenza e dell’innovazione.
  • Individuazione dei rischi nei mercati finanziari e delle necessarie contromisure per arginarli.

C’è da aggiungere che in europa un altro ente molto importante è la CySEC che rilascia le licenze valide in tutta europa se recepite anche dagli altri regolatori come ad esempio dalla Consob. Molto spesso si legge la frase “regolamentato Consob” ma in realtà si tratta di un’autorizzazione della consob a lavorare in Italia previa presentazione di una regolamentazione FCA oppure CySEC.

Swissquote e XM: 2 broker regolamentati XM

FCA è sinonimo di affidabilità e correttezza. Per questo motivo, quando un trader si imbatte in broker regolamentati dalla FCA, può stare certo della sua qualità e della sua onestà. Ovviamente, esistono broker e broker. Quelli, tra i regolamentati FCA, più importanti e apprezzati dagli utenti sono Swissquote e XM.

La selezione è avvenuta valutando non solo perchè sono broker regolamentati FCA ma soprattutto per la qualità dei servizi offerti ai clienti come:

  • velocità di esecuzione dei trades
  • no requotes e slippage
  • velocità di prelievo e deposito
  • qualità della formazione online e dei seminari nelle principali città italiane
  • spread competitivi

Swissquote. Questo broker consente di investire nel mercato valutario (Forex) e nel mercato dei CFD (Contract of Difference). La sua solidità, oltre che dalla licenza, è certificata dalla capitalizzazione in borsa, che si aggira sui 500 milioni di franchi svizzeri. Ha inoltre 10 miliardi di attività in gestione.

Vai a Swissquote

  • Tra i vantaggi di Swissquote troviamo un deposito minimo iniziale piuttosto accessibile, pari a 100 dollari;
  • la possibilità di utilizzare la leva fino a 500:1;
  • i tassi a margine pari allo 0,2%;
  • l’offerta, particolarmente abbondante e che si aggira intorno al centinaio di asset.

XM. Questo broker è specializzato nel Forex.

Vai a XM.com

  • Tra i pregi spicca la propensione alla formazione. I seminari di XM sono famosi in tutti il mondo e consentono all’aspirante trader di maturare conoscenze tecniche e pratiche.
  • Un altro pregio consiste nell’offerta economica, che è di prim’ordine con deposito minimo di 5 usd.
  • La leva finanziaria raggiunge rapporti estremi quali l’500:1.
  • XM è molto apprezzata anche per i programmi fedeltà, che consentono all’utente di accumulare punti, convertibili in denaro da depositare sul conto.

Ichimoku trading system

L’indicatore Ichimoku è un indicatore che, nonostante un’apparente complessità, è in grado di restituire segnali affidabili in maniera rapida e senza richiedere troppo sforzo. E’ stato inventato dal trader Goichi Hosada negli anni trenta, ma solo negli anni sessanta – dopo tre decenni di perfezionamento – è stato reso pubblico.

Ichimoku: un indicatore di semplice lettura

ichimoku tradingL’indicatore Ichimoku è molto apprezzato in quanto suggerisce aree di supporto e resistenza realistiche e oggettive. E’ quindi utile per determinare segnali di entrata, nonché per annunciare eventuali inversioni di trend. L’indicatore Ichimoku è associato al concetto di “nuvola”. Celebri, infatti, sono le nuvole che forma nel grafico, frutto delle intersezioni tra le linee che lo compongono. Queste nuvole sono, perlopiù, aree di supporto e resistenza, dunque concorrono attivamente alla formazione dei segnali.

L’ichimoku si compone dei seguenti elementi.

  • Tenkan Sen. E’, in estrema sintesi, una media mobile molto veloce, a 9 periodi. E’ piuttosto sensibile in quanto riflette in maniera abbastanza fedele i movimenti del prezzo.
  • Kijun Sen. E’ una media mobile lenta, a 26 periodi. Tende a non riflettere il movimento del prezzo, quanto piuttosto a rappresentare l’andamento su basi mensili.
  • Span A. Può essere definito come il punto medio tra le linee Tenkai Sen e Kijun San, traslato tuttavia nel futuro (26 periodi dopo rispetto alla sessione corrente).
  • Span B. Anche questa è una proiezione, ma non di un punto medio, bensì della variazione del prezzo. Rispetto alla sessione corrente, però, lo scarto è di 52 periodi (ovviamente nel futuro).
  • Chikou Span. Riflette il movimento dei prezzi ma è proiettata nel passato di 26 periodi.

I segnali dell’indicatore Ichimoku

Le informazioni restituite dall’indicatore sono numerose. In primo luogo, è necessario analizzare l’interazione tra la Tenkai Sen e la Kijun Sen. Queste linee possono essere considerate alla stregua di una media mobile veloce e di una media mobile lenta. Quando si incrociano, forniscono segnai ribassisti o rialzisti.

In secondo luogo, è necessario analizzare le “nuvole”, ossia gli spazi che si formano quando le linee si incrociano. Una certa attenzione, in particolare, va prestata alla Span A e la Span B.

  • Quando la nuvola ha come limite superiore la Span B, l’area va considerata di “resistenza”.
  • Quando la nuvola ha come limite superiore la Span A, l’area va considerata “di supporto”.

Come recita la dottrina dell’analisi tecnica, il prezzo, quando si avvicina o tocca una zona di resistenza o di supporto, tende a rimbalzare. Ciò vuol dire che quando il prezzo “viaggia” verso le nuvole, siamo vicini a una inversione.

In caso di trend sostenuto, poi, la Tenkan Sen e la Kijun Sen forniscono gli estremi del movimento. Ciò fornisce informazioni preziose circa i segnali di entrata e di uscita.

Trading system Ichimoku

Girovagando su internet si trovano diversi articoli su ichimoku e anche diversi tipi di strategia. Tra le tante ci ha colpito la configurazione che riportiamo sotto.

Abbiamo discusso con gli ideatori del Ichimoku Expert Advisor (vedi qui) e ci hanno elencato che dietro il successo di questo expert advisor per mt4 ci sono i seguenti punti di forza:

  • Rendimento ottimo rispetto al rischio
  • Impostazione di trend following
  • Numerosi tipi di filtri che evitano di stare a mercato nelle fasi laterali (solitamente sono quelle in cui si prendono gli stop loss)
  • Capacità del software di poter sfruttare il trend per guadagnare bene e sopravvivere nelle fasi pià difficili (che sono inevitabili e devono essere in ogni caso affrontate)

ichimoku

I seminari forex XM gratis di Milano, Napoli e Catania

Xm è un broker forex e cfd conosciuto per la capacità di offrire servizi di alta qualità ai suoi utenti e soprattutto concentrato nella formazione con webinar forex settimanali e seminari forex in varie città. Non trascura nessuno degli aspetti legati alle attività di trading, formazione compresa. Anzi, da questo punto di vista eccelle particolarmente. Non solo offre webinar forex formativi settimanali ma è impegnato nella formazione dal vivo. Organizza, infatti, seminari forex in giro per il mondo. Nel 2017 sarà anche in Italia, per la precisione a Milano, Napoli e Catania.

Il seminario forex di Milano si terrà il 20 maggio al Four Points di Sheraton. Il seminario di Napoli avrà luogo invece al Ramada Naples City Center il 24 giugno. Infine, il 15 luglio, sarà il turno di Catania (Plaza Hotel).

  • I seminari forex sono gratis per tutti
  • Con XM puoi avere 25 euro gratis per iniziare a fare trading
  • Puoi studiare online con i Webinar forex ogni Martedì e Giovedì

Si rinnova quindi l’impegno di XM nella formazione. Un impegno che trova il suo fondamento nella consapevolezza che il trading online è un’attività complessa, che necessita di competenze per essere svolta al meglio. Un impegno, inoltre, che è in fondo lo strumento per raggiungere un obiettivo più grande: rendere il trading online accessibile a tutti, anche ai trading non professionisti.

Per questo motivo, l’offerta formativa dei seminari XM alterna teoria e pratica, in un percorso di trasmissione delle conoscenze che punta a essere dialogico e inclusivo.

L’offerta didattica dei seminari forex XM

Nello specifico, i seminari forex XM verteranno su cinque argomenti.

Basi teoriche dei mercati finanziari. Prima di cimentarsi nel trading online, è bene acquisire le basi dei mercati finanziari, quindi avere una conoscenza generale di meccanismi che regolano il mondo dell’investimento. XM, coscienziosamente, parte proprio da questo elemento.

Basi teoriche del trading online. La teoria è importante, anche perché offre il terreno sul qualche edificare un sapere più specifico e più pratico. I seminari XM tratteranno di teoria senza per questo appesantire i partecipanti.

seminari forex

Analisi tecnica vs Spread Trading. L’analisi tecnica è la pratica grazie alla quale il trader trae orientamenti utili per prevedere i prezzi. Le risorse principali, in questo ambito, sono gli indicatori, strumenti frutto di lavoro statistico e tecnico. XM presenterà e illustrerà l’utilizzo degli indicatori ADX, MACD, Ichimoku e Heiken Ashii.

Monitoraggio. Il mercato va monitorato nel suo complesso, in quanto gli asset sono legati da un rapporto di interdipendenza. XM trasmetterà competenze specifiche circa il monitoraggio del mercato, offre tecniche di uso immediato.

Supporti e resistenze. Il supporto è il livello del prezzo che un asset, immerso in un trend negativo, tende a non oltrepassare. Il rapporto, viceversa, è il prezzo che un asset, immerso in un trend positivo, fa fatica a superare. Sono strumenti utili per il money management. XM si pone lo scopo di insegnarne l’utilizzo e l’individuazione.

Grafici a 4 ore, grafici a 1 ora. Questa particolare tipologia di grafici risultano utili ai trader che mettono in pratica un approccio improntato sulla velocità. Il trading veloce pone in essere rischi e opportunità, quindi merita decisamente un capitolo a parte. Lo scopo di XM e mettere questo approccio a disposizione dei principianti, sebbene venga considerato appannaggio degli esperti.

Che cos’è la leva finanziaria Forex

La leva finanziaria Forex è uno strumento molto apprezzato in quanto consente di accrescere i guadagni con rapidità. E’ anche un’arma a doppio taglio, dal momento che, così come aumenta i potenziali guadagni, aumenta anche le potenziali perdite. Se utilizzata con raziocino, tuttavia, è in grado di porre in essere opportunità importanti.

E’ nata allo scopo di consentire una speculazione più intensa nei mercati finanziari. Ben presto, però, con l’approdo dei non professionisti nel panorama del trading online, è diventata lo strumento di chi, con un capitale di partenza basso, spera di fare successo bruciando le tappe.

leva finanziaria

Leva finanziaria trading online: come funziona

Nello specifico, la leva finanziaria consente al trader di muovere capitali ingenti ma con investimenti iniziali ridotti. Il rapporto tra il capitale coinvolto e l’investimento è dato da un rapporto. Sicché, se la leva ha un rapporto di 100:1, investendo 100 dollari sarà possibile esporsi per 10.000 euro. I guadagni e le perdite, ovviamente, non vengono calcolati sui 100 dollari ma sui 100.000. Ciò significa che se il trade si conclude con un guadagno dell’1%, il trader alla fine si troverà con 101.000 euro sul conto. Sia chiaro, dovrà restituire il capitale frutto interamente della leva al broker, ma alla fine si troverà con un guadagno di gran lunga più alto di quello che avrebbe fatto evitando la leva.

Leva finanziaria forex, se perdo….

Stesso discorso per le perdite. Il rischio è di andare in rosso. Va detto che i broker tendono a tutelarsi introducendo il concetto di margine. Con il termine “margine” si intende il capitale minimo che l’utente deve possedere in conto per ordinare un determinato trade a leva. Ogni broker pone le sue condizioni, quindi prima di pensare a come utilizzare la leva, è necessario studiare approfonditamente il regolamento.

La leva nel Forex è uno strumento versatile, nel senso che i rapporti possono essere i più diversi. In genere, i broker mettono a disposizione i rapporti 50:1, 100:1, 200:1. Si segnalano, tuttavia, alcuni broker che, a determinate condizione, offrono leve altissime, pari a 888:1.

Una volta consapevoli dei rischi – e non solo delle opportunità – è bene mettere in pratica alcuni consigli utili per utilizzare al meglio questo interessante strumento.

Uno di questi coincide con l’uso dello stop strategico. Se si posizionano stop loss in maniera ragionata, allora non si deve temere nulla, in quanto il trade viene chiuso una volta raggiunte perdite non più sostenibili. Ovviamente, il livello di sostenibilità è soggettivo. Sta al trader stabilirlo, secondo le sue possibilità economiche e la sua propensione al rischio.

Un secondo consiglio è, semplicemente, di non esagerare. E’ facile rimanere ingolositi da una leva alta ma è bene tenere a freno la cupidigia. Si parla di rapporti nelle ordine delle centinaia, ma è consigliato fermarsi a quelli nell’ordine delle decine. Per esempio, una leva di 10:1 è di gran lunga sopportabile di una pari a 100:1. Per convenzione, si considera una leva di 50:1 come il limite massimo a cui un trader più o meno esperto dovrebbe ambire.

Valore di 1 pip e leva finanziaria: chiarimenti

In linea generale è bene ricordare che la leva finanziaria incide sul margine utilizzato (o libero) e non sul valore del pip investito. Questa tabella vi sarà utile per capire meglio l’effetto sul margine in base alla leva utilizzata e al lotto investito:

TIPO

LOTTO

VALORE $

MARGINE 1:100

MARGINE 1:200

MARGINE 1:500

NANO o cents di XM

0,0001

10

0,1

0,05

0,02

Micro

0,01

1000

10

5

2

Mini

0,1

1.0000

100

50

20

Standard

1

100.000

1.000

500

200

 

I migliori asset trading Opzioni Binarie

Il trading opzioni binarie è solo all’apparenza semplice e banale.

Il meccanismo – appunto – binario non toglie nulla alla varietà e, anzi, pone in essere un gran numero di approcci e strategie. I trader, quindi, hanno un margine di azione elevato e sono chiamati a compiere le scelte. Devono, per esempio, scegliere i migliori asset trading opzioni binarie.

Quali sono i migliori asset trading opzioni binarie? Ogni investitore è diverso e ha le sue preferenze, ma è bene ricordare quali sono i tre asset più diffusi in assoluto.

Asset trading opzioni binarie: 3 buone idee

  • Euro-dollaro. Il mercato valutario è tra i più frequentati in assoluto, specie se consideriamo le attività “collaterali” e che non rientrano nella categoria “Forex”. In questo contesto, a fare la parte del leone è il cambio euro-dollaro. Estremamente liquido, muove ogni giorno una cifra superiore all’intero debito pubblico italiano. E’ anche molto leggibile: riguarda da vicino le due economie più grandi del pianeta, è oggetto per tanto di analisi e stime, specie in riferimento ai market mover.
  • Petrolio. Non è necessario dire nulla sull’importanza dell’oro nero per l’economia mondiale. Oltre a essere una risorsa dal punto di vista produttivo, è uno dei migliori asset per i trader online. Il motivo? La grande leggibilità, determinata da un legame molto saldo con elementi di natura meramente economica (domanda e offerta), immediatamente consultabili.
  • Oro. Il metallo giallo è il classico bene rifugio. E’ apprezzato, dal punto di vista del trading, per la sua grande volatilità. Sono molti, infatti, i fattori che lo influenzano. Questi non si limitano a elementi di macro e microeconomia ma sfociano anche nella sfera sociale e politica. Un esempio? Quando il panorama globale è nel caos, l’oro quasi sempre sale. Questo dona, come già anticipato, da un lato volatilità e dall’altro una grande leggibilità.

asset trading opzioni binarie

Scadenze e timeframe

Euro-dollaro, oro e petrolio rappresentano 3 asset trading opzioni binarie molto utilizzati ma non sono certo gli unici in grado di offrire opportunità. A prescindere dall’asset scelto, però, è obbligatorio prendere decisioni di ordine “temporale”. In particolare, è necessario stabilire la scadenza delle opzioni binarie e il time frame da utilizzare nelle attività di analisi.

Possono sembrare due decisioni scollegate eppure dall’una dipende l’altra. Se il time frame cambia è troppo ampio, per esempio, il trader rischia di non rilevare elementi fondamentali a breve termine, necessarie in caso di scadenza imminente. Questo elenco è utile a chiarire la corrispondenza tra scadenze e time frame.

  • Scadenze da 60 secondi a 2-5 minuti; Time Frame 1-5 minuti
  • Scadenze da 5 minuti a 15 minuti; Time Frame 5-15 minuti
  • Scadenze fino a 30 minuti; Time Frame 15-30 minuti
  • Scadenze fino a 1 ora; Time Frame 30-60 minuti
  • Scadenze da 2 a 4 ore; Time Frame 1-4 ore
  • Scadenze superiori a 4 ore; Time Frame 4-24 ore
  • Scadenze a un giorno; Time Frame 1-7 giorni