Home » trading petrolio

trading petrolio

Come la tensione tra USA, Russia e Corea del Nord influenzerà i mercati

Quando scoppia una crisi geopolitica, è difficile non mettere in ballo la finanza internazionale. La verità è che quanto accade al di fuori del mercato, per quanto di carattere niente affatto economico, influenza il mercato stesso. Ovviamente le dinamiche sono le più disparate e dipendono dal tipo di crisi, dal tipo di paese coinvolto e così via.

Lo stesso ragionamento può essere applicato, ovviamente, alla grave crisi diplomatica causata dalla Corea del Nord. Vale la pena ragionare sull’impatto di una eventuale escalation delle tensioni, anche perché queste potrebbero interessare un’area ben più ampia dell’Estremo Oriente. A partecipare al processo diplomatico, che a dire il vero per ora langue, la Russia e, seppur ai margini, l’Unione Europea.

Come hanno reagito i mercati ai test missilistici della Corea del Nord

Dunque, come impatterà sul mercato un inasprimento della crisi? Prima di rispondere a questa domanda è necessario fare una premessa: fino ad adesso, i mercati non si sono scomposti più di tanto. Eventi anche molto gravi, come il lancio di missili “forse” intercontinentali e l’esplosione di una bomba a idrogeno non hanno granché influenzato gli investitori, nemmeno in relazione agli asset sud coreani (la Corea del Sud è oggetto delle mire dei cugini del nord). Anzi, l’indice KOSPI si è addirittura apprezzato del 16,4% in questo 2017.

Il motivo di questa imperturbabilità va rintracciato nella percezione che hanno gli investitori circa la stessa crisi nord coreana: semplicemente, hanno tutti le mani legate. Nessuno può muovere guerra, visto che i partner in campo hanno tutti, o quasi, la bomba atomica. Si pensa che, tutt’al più, si arriverà a un ulteriore inasprimento delle sanzioni o a un compromesso vero e proprio con la Nord Corea.

La reazione dei mercati in caso di attacco

Ma se si arrivasse a un attacco? Gli scenari sono due: un conflitto su scala regionale o un conflitto su scala globale. Su quest’ultimo è inutile fare supposizioni, dal momento che sarebbe un evento troppo grande per prevederne gli effetti. Per quanto riguarda il primo, però, si possono fare delle supposizioni.

25 € gratis per comprare e vendere Oro e Petrolio

I broker che offrono le quotazioni di Oro e Petrolio sono:

A farne le spese sarà principalmente la Corea del Sud. Il rischio è che una guerra possa modificare gli attuali assetti produttivi nazionali e, di conseguenza, quelli mondiali. Non è un ragionamento eccessivo, se si pensa che Seul è leader in numerosi settori, in primis in quello hi-tech. Giusto per rendere l’idea, la Corea del Sud producono il 40% dei display a cristalli liquidi e il 17% dei semi conduttori. Se la crisi coinvolgerà in maniera ancora più stretta il Giappone, questa dinamica si inasprirà, dal momento che Tokyo, ancora più di Seul, vanta una posizione di supremazia in molti mercati.

A livello concreto, un crollo degli asset azionari giapponesi e coreani sarebbe molto probabile, così come anche una forte svalutazione delle rispettive valute.

Più difficile produrre previsioni circa gli asset americani, russi o cinesi, dal momento che non è possibile prevedere il grado di coinvolgimento in un futuribile conflitto (sempre su scala regionale). Visto i loro legami con Russia e Giappone, non è escluso che anche loro possano subire conseguenze a livello finanziario.

Quotazioni e previsioni prezzo dell’Oro

L’oro è un bene rifugio e in situazioni di incertezza economica, finanziaria e di instabilità politica tende ad incrementare il suo valore. Ecco che le quotazioni si sono mosse in modo veloce da 1260 a 1360. Nell’ultima settimana si è visto un ripiego verso 1300.

Gli analisti finanziari concordano su una visione rialzista di lungo periodo finchè i prezzi riusciranno a soffermarsi sopra 1260.

Quotazioni e previsioni prezzo del petrolio

Anche il Petrolio Wti ha reagito con un forte rialzo dalla nascita delle prime tensioni politiche tra USA e Corea del nord. Si può notare una spinta dai 42 a oltre 50 dollari. Tale spinta potrebbe essere ancora valida fino a 55 dollari. Se il prezzo poi riuscirà a rompere i 55 dollari allora è molto probabile un nuovo trend che porterà le quotazioni fino a 75 dollari. Quindi la valutazione rimane rialzista fino a che il supporto di 45 dollari riesce a tenere i prezzi.

Market mover petrolio: cosa muove il prezzo dell’oro nero

Il petrolio è un asset molto apprezzato dai trader, sia in qualità di sottostante che come bene scambiato direttamente. Dell’oro nero viene apprezzata la leggibilità, la volatilità e in estrema sintesi le opportunità di guadagno. E’ necessario tuttavia conoscere i market mover petrolio per investirci con cognizione di causa, producendo quindi un’analisi funzionale alle esigenze di profitto. Di seguito, una breve lista di ciò che muove realmente il prezzo del petrolio.

Prezzo del petrolio, fattori generici

Un market mover molto importante è la crescita globale. Il collegamento può sembrare vago, generico, ma c’è ed è assodato. Il motivo è intuitivo: se il “mondo” cresce, aumenta anche la domanda di beni, che per essere prodotti necessitano dei derivati del petrolio. Ecco che l’offerta sale e il prezzo con lei. Discorso opposto, ovviamente, in caso di recessione. Non è un caso che il prezzo del petrolio abbia iniziato a scendere proprio con l’inizio della crisi economica.

A incidere sull’oro nero è anche il comportamento di alcuni grandi paesi, la direzione che i governi imprimono alle rispettive economie. Un esempio è dato dalla Cina, che negli ultimi tre anni ha intrapreso un percorso di “occidentalizzazione” finalizzato ad aumentare i consumi interni a discapito della produzione. E’ ovvio che se l’economia cinese produce di meno chieda meno petrolio e, visti i numeri in ballo, la domanda si contragga nel suo complesso.

Petrolio, politica, finanza

Il fattore che forse incide con maggiore forza è la geopolitica, e in particolar modo quella che riguarda i paesi produttori di petrolio (vedi Medioriente). Se è in corso una situazione di conflitto, sia esso armato o sociale, la produzione e gli scambi ne risentono, l’offerta diminuisce e i prezzi si alzano.

Ricordate la benzina a 2 euro del 2011? All’origine c’era la guerra civile in Libia.

Possono essere ascritte alla categoria “geopolitica” anche le negoziazioni per la manipolazione della produzione. Gli accordi OPEC, per esempio, agiscono direttamente sui livelli produttivi, sbilanciando il rapporto offerta-domanda a favore di quest’ultima. L’accordo più recente, che per giunta si attendeva da tempo, è avvenuto a novembre, quando è stato deciso un taglio della produzione a livello locale. Una scelta dolorosa ma necessaria, vista la catastrofica discesa del prezzo dell’oro nero. A pochi mesi di distanza, comunque, i primi risultati sono ben visibili.

Un market mover sui generis, poiché in grado in egual misuro di muovere il prezzo e allo stesso tempo orientare gli investitori, sono i dati sui futures. Questa tipologia di “contratti” hanno un effetto collaterale notevole: forniscono info sulle opinioni che gli operatori economici nutrono rispetto a un asset. Se i grandi operatori economici si muovono nella stessa direzione, e producono futures simili, allora gli investitori si muoveranno di conseguenza, influenzando pesantemente il prezzo dell’oro nero.

Infine, un market mover petrolio presente nel calendario economico è costituito dai dati sulle scorte petrolifere detenute dalle aziende americane. Un dato parziale (gli USA non sono ovviamente l’unico produttore) ma che offre una panoramica sull’andamento dell’offerta.

Petrolio previsioni 2017 di Goldman Sachs

Il petrolio, e nello specifico la produzione, è stato al centro di importanti negoziati nel tentativo di sostenerne il prezzo. Gli accordi OPEC, finalizzati alla diminuzione dell’offerta, dopo gli stop degli ultimi mesi, sono andati finalmente a buon fine. Alla luce di ciò, Goldman Sachs ha ritoccato le stime riguardo al petrolio Brent e WTI, posizionandosi con una view nettamente ottimistica rispetto agli altri istituti finanziari. Ha pubblicato le sue stime in un paper datato 16 dicembre 2016.

Petrolio previsioni: ben oltre i 50 dollari

Nello specifico, la banca statunitense prevede che il WTI toccherà quota 57,50 dollari già entro il secondo trimestre del 2017. Le previsioni precedenti lo davano a 55 dollari (sempre entro il secondo trimestre). Viene dato al rialzo anche il Brent, che verrà a costare 59 dollari al barile, contro i 56,5 della stima precedente.

Goldman Sachs ha specificato inoltre che il rialzo del prezzo del petrolio avverrà a 2017 inoltrato. Non è un caso, quindi, che le previsioni di dicembre-gennaio rimangano ancorate a 50 dollari al barile. In questo momento, infatti, a pesare sono essenzialmente due fattori. Da un lato l’apprezzamento del dollaro, causato dall’aumento dei tassi di interesse recentemente stabilito dalla Federal Reserve, e dalla crescita della produzione in Libia (il paese sta ritrovando un po’ di stabilità e il commercio ne sta traendo giovamento).

Aggiornamento Giugno 2017: Xtrade non opera più in Europa.

Molto interessanti sono le tempistiche riportate da Goldman Sachs. Secondo la banca americana, infatti, il trend rialzista acquisirà vigore a partire da febbraio, quando gli accordi OPEC entreranno a regime. Il paper parla chiaramente di “forte catalizzatore di un grande movimento di prezzo”.

petrolio previsioni

Petrolio previsioni e news positive dall’Arabia Saudita

Il motivo di queste stime ottimistica va rintracciato, come già accennato, dall’esito positivo delle negoziazioni OPEC. Al centro della discussione, il ruolo dell’Arabia Saudita, tradizionalmente restia a scalare la produzione a causa del timore di perdere ingenti quote di mercato. Questa volta, come informa Goldman Sachs, è diverso. “In definitiva, la nostra analisi del saldo di bilancio saudita indica che il regno ha un forte incentivo a tagliare la produzione allo scopo di normalizzare le scorte. Alla luce dei i tagli OPEC e non OPEC annunciato durante le due settimane precedenti, aggiorniamo al rialzo i cali di produzione nella prima metà del 2017”.

In particolare, gli analisti credono che entro Luglio si assisterà a un’entrata a regime del tagli nella migliore delle ipotesi, un’entrata all’87% nella peggiore.

Insomma, le view di Goldman Sachs sono molto positive e vanno verso una stabilizzazione del mercato, che in questi anni ha sofferto del disastroso calo della domanda, causato dall’imperversare della crisi economico in Occidente e dal rallentamento delle economie emergenti.

Oltre la prima metà del 2017, reputiamo probabile che il mercato internazionale rimanga equilibrato. Il prezzo del petrolio brent si posizionerà tra i 55 e i 60 dollari al barile, in virtù anche della risposta dell’industria dello shale oil, e la produzione del petrolio a basso costo solo leggermente in aumento”.

Trading petrolio come investire

Il trading petrolio è protagonista del mercato da un paio di anni per la forte discesa che ha pochi precedenti nella storia. I prezzi sono scesi, fino a toccare letteralmente il fondo, per poi stabilizzarsi a una cifra molto bassa e riprendere un trend discendente tutto sommato moderato. Nonostante le notizie che provenivano dall’Opec, che suggeriscono un accordo circa il taglio di produzione, lo scenario rimane ancora molto incerto. Da questo punto di vista, un segnale importante in grado di far luce nell’incertezza, quasi a mo’ di termometro, è fornito dai dati sulle scorte.

Ne avevamo già parlato qui: https://guidatrading.com/guida-trading-online/petrolio-come-comprare-e-investire-sulloro-nero/

Petrolio previsioni: il dato geopolitico

Cosa ci si deve aspettare dal petrolio nell’immediato futuro? Il nodo è sempre lo stesso: per contrastare il calo dei prezzi è necessario adeguare l’offerta alla domanda, quindi tagliare la produzione. A fine settembre l’Opec aveva annunciato l’accordo tra i grandi produttori ma l’entusiasmo era presto scemato: da decidere erano ancora i tempi e le modalità. Ebbene, l’ultima riunione dell’Opec si è rivelata un buco nell’acqua e infatti il petrolio ha ricominciato a scendere.

A pesare sono soprattutto le questioni geopolitiche: Stati Uniti e Russia sono in vena di guerra fredda, e questo non facilità gli accordi. Sullo sfondo l’Iran, galvanizzato dalla fine dell’embargo, vorrebbe recuperare quote di mercato e pertanto si contrappone, magari solo implicitamente, ai tagli di produzione. La guerra in Medioriente, infine, aggiunge incertezza a un clima già compromesso. L’unica speranza per una ricomposizione delle fratture – per ora fortunatamente solo politiche – è una fine rapida del conflitto in Siria e in Iraq. Solo a bocce ferme e a mente fredda sarà possibile intavolare delle trattative, che porteranno certamente a un esito come minimo certo – se non positivo – per le trattative sul fronte “taglio della produzione”. Senza contare che negli Stati Uniti sono alle porte le elezioni presidenziali, che tendono a piegare le questioni di politica estera alle necessità della campagna elettorale. L’aumento del prezzo dell’oro nero, quindi, come al solito, passa per la geopolitica e la politica in senso stretto prima ancora che per le mere questioni economiche-industriali.

Come investire sul petrolio

Il Team di Guidatrading.com ha realizzato un software di analisi del prezzo del petrolio Brent e WTI. Lo scopo è di realizzare un trading system che sfrutta le inefficienza di forza del prezzo tra i 2 tipi di petrolio.

Il conto di cui sopra è utilizzato per diverse strategie trading e da 1 settimana abbiamo inserito anche il trading petrolio Brent vs Wti. Ecco i risultati:

trading petrolio

Come potete notare le sigle UKKOIL e USAOIL fanno riferimento al trading petrolio che è attualmente con un netto guadagno.

Naturalmente è possibile fare trading petrolio con i broker che offrono le quotazioni dei CFD come:

  • Markets + 25 euro*
  • XM +25 euro* + webinar settimanali gratis + conto micro cents
iqoption broker scalping opzioni binarie

Il trading online è un’attività richiosa

o se preferisci il trading con le opzioni binarie ti consigliamo

Prezzi petrolio 2017

Cosa attendersi dal trend del petrolio nel 2017?

usaoildaily

Secondo le ultime valutazioni possiamo spingere le nostre visioni in una gabbia di prezzi tra i 40 dollari e i 60 dollari anche per la prima parte del 2017. Tra Agosto e Ottobre del 2016 il trading petrolio è stato caratterizzato da un andamento lineare all’interno di un ampio canale rialzista. La tenuta dei 43 dollari ci afferma la possibilità di rivedere un buon trend rialzista.

Anche l’indicatore Ichimoku sta creando una solida base rialzista tra i 44 e i 43 dollari.

Scorte Petrolio e riserve oro: come fare trading

Le scorte petrolio e le riserve auree sono tra i dati più importanti da seguire e studiare per chi vuole fare trading online. Petrolio e oro sono due tra gli asset più tradati al mondo con diversi strumenti finanziari come futures, opzioni, cfd, opzioni binarie. Che si tradi nella maniera consueta o se si opti per la speculazione più rischiosa è necessario studiare i dati. Dove trovarli? E’ molto semplice. A diramarli e pubblicarli con una certa regolarità è un ente ufficiale, l’Energy Information Administration, altrimenti noto come EIA, un dipartimento del più importante Department of Energy. I dati vengono resi pubblici ogni mercoledì alle 16.30 ora italiana. E’ sufficiente andare nel sito dell’ente e cercare il Weekly Petroleum Status Report.

Scorte petrolio: come fare trading sulle news

A questo punto, è necessario elaborare in maniera corretta le informazioni sulla scorte petrolio, che danno una chiara idea della produzione. Per la legge della domanda e dell’offerta, se quest’ultima sale allora il prezzo tende ad abbassarsi. Il consiglio più semplice e allo stesso tempo più utile è quindi puntare su un aumento dei prezzi quando il Weekly segna un calo, viceversa è bene puntare sulla discesa dei prezzi quando il Weekly segna una crescita. La situazione attuale parla di un petrolio inserito in un trend positivo in virtù degli accordi raggiunti dall’Opec circa il calo della produzione.

scorte petrolio

Riserve Oro: come fare trading sulle news

Se la correzione tra scorte e prezzo è tutto sommata abbastanza leggibile per fare trading petrolio, se il discorso verte sulle riserve dell’oro, emergono alcuni problemi di interpretazione. Il collegamento è infatti più labile. In linea di massima si può affermare che un aumento delle riserve è correlato a un deprezzamento della moneta. Di quale? Principalmente di quella emessa o gestita dall’ente che si è reso responsabile dell’aumento delle riserve. Ultimamente, infatti, la banca centrale russa ha comandato l’aumento delle riserve e questo è stato interpretato – giustamente – come un segnale di debolezza del rublo. Non vanno tuttavia escluse mai le possibili influenze sulle altre valute. Il motivo di ciò risiede in un fatto semplice: l’oro è una valuta rifugio e come tale si giova dei periodi di sfiducia. Va specificato, comunque che le riserve auree sono frutto di un accumulo generato nel corso del tempo, quindi non sono sempre un riflesso della debolezza di una valuta. Prendiamo a esempio l’Italia: la sua riserva aurea è, per volume, le terza al mondo, dietro solo Stati Uniti e Germania. Il valore è di 109 miliardi di euro. Queste cifre sono dovute in parte al passato della lira, spesso incline alla svalutazione, e dall’altro a una naturale esigenza: offrire una garanza di solvibilità ulteriore, anche solo a livello di fiducia, per le proprie attività finanziarie.

Alcuni problemi sono causati da un semplice fatto: i dati delle riserve auree non sono facilmente reperibili in quanto non vi è un ente che si incarica – come l’EIA – di diramare informazioni a riguardo. In genere, poi, i movimenti delle riserve da parte delle banche centrali non sono numerosi né abbondanti. Dunque, dove trovare i dati? Il metodo migliore è passare in rassegna le piattaforme informative ufficiali delle varie banche centrali. Le riserve aree della banca d’Italia vengono illustrate, per esempio, nel sito ufficiale.