Home » News » Analisi di mercato: tendenza rialzista sterlina/dollaro

Analisi di mercato: tendenza rialzista sterlina/dollaro

Dopo una settimana di contrattazioni che hanno delineato una certa avversione al rischio, finalmente l’ottimismo torna ad animare il mercato valutario spingendo gli investitori all’acquisto. Le borse europee sono tutte in forte rialzo, grazie anche al buyback del debito greco. La propensione al rischio ha spostato l’interesse degli investitori dalle valute considerate rifugio ( dollaro, yen, franco svizzero ) portando a rialzi importanti non solo nei confronti dell’euro, ma anche della sterlina.

Analisi di mercato

Per il momento il tasso di cambio sterlina dollaro è ai massimi di 1 mese a quota 1.6086 dopo aver superato in giornata la resistenza posta a quota 1.6050. La tendenza sembra prendere vigore, i prossimi target sono posizionati in area 1.61, prima resistenza da tenere in considerazione, e in area 1.6170, seconda resistenza da valutare con più attenzione. Si consiglia una posizione di tipo long con impostato un take profit in area 1.61. Nel caso in cui ci fosse una rottura di tale area di resistenza si consiglia l’apertura di una seconda posizione di tipo long con take profit posizionato in area 1.6170.

Ricordiamo di porre particolare attenzione al money management, quindi, impostare uno stop loss posizionato considerando una perdita massima del 5% del capitale totale. In questo caso si può anche evitare di inserire un take profit in modo da sfruttare una eventuale rottura di resistenza, va comunque detto che è necessario aggiornare lo stop loss in modo da non perdere i guadagni ottenuti.

Antonio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Le criptovalute e la nuova legge antiriciclaggio: conseguenze per gli investitori

Il legislatore si è interessato, forse un po’ inaspettatamente, alle criptovalute. Il riferimento, in particolare, è al legislatore italiano. Il Bel Paese, infatti, ha battuto sul tempo tutti gli altri, concretizzando, non senza una certa dose di discrezionalità, una direttiva europea che invitava gli stati membri a definire il ruolo degli intermediari delle criptovalute, in funzione antiriciclaggio. Ne è risultato un decreto legislativo, il n.90 del 2017, promulgato il 25 maggio ed entrato in vigore ...