Home » Risultati per: bitcoin

Risultati per: bitcoin

Il Bitcoin nella vita reale: dove si può spendere

E’ innegabile che il Bitcoin, capofila di tutte le criptovalute, sia andato incontro a una diffusione clamorosa negli ultimi anni. In questi istanti quota quasi 8000 dollari.

Da qui a definirlo come un legittimo sostituto, alternativa o persino surrogato delle valute tradizionali o di bene rifugio ce ne vuole. Di sicuro il bitcoin non è uno “store of value” (ovvero un bene da tenere in portafoglio per il lungo periodo).

Se da un lato il Bitcoin è diventato uno degli strumenti speculativi più apprezzati (ma, badate bene: solo da un certo tipo di trader), dall’altro lato non si è conquistato il ruolo di mezzo di pagamento. Anzi, è ancora piuttosto lontano dal farlo. Insomma, se andate in un negozio, è estremamente difficile che vi facciano pagare in Bitcoin. I fattori che determinano questo – per alcuni – spiacevole status quo sono numerosi.

Perché pagare in Bitcoin è difficile

  • La lentezza. Le transazioni in euro, in dollari, sterline… Insomma, in valute tradizionali sono immediate. E non stiamo parlando di contanti, la cui immediatezza è intrinseca, bensì delle transazioni elettroniche. I Bitcoin, per il meccanismo legato alle blockchain, richiedono parecchi minuti per essere trasferiti. In genere, una decina, anche se per sicurezza si dovrebbe sempre aspettare un’oretta prima di dichiarare il trasferimento effettivamente eseguito.
  • L’instabilità. Il Bitcoin è profondamente instabile. Ok, per ora è instabile nel senso buono del termine, ossia è in continua crescita, ma è in dubbio che la stabilità di una valuta sia un presupposto fondamentale per una legittimazione a 360 gradi. E poi, visto le performance straordinarie, anche a tripla cifra da un anno all’altro, la percezione che la bolla possa esplodere da un momento all’altro è molto forte.
  • Scarsa fama. Può sembrare strano, ma il Bitcoin non è ancora sufficientemente conosciuto. E’ sulla bocca di tutti, vero, ma di tutti i trader, investitori, addetti ai lavori. Se chiedete a un commerciante cosa sia il Bitcoin, nove volte su dieci vi risponderà: “non lo so”. E’ anche questa una delle ragioni per cui sono pochissimi i negozi che accettano pagamenti in Bitcoin.
  • La legislazione. Questo è un aspetto molto importante. Le valute tradizionali, si sa, sono ampiamente regolamentate, sia da direttive e ordinamenti specifici che dalla prassi comune. Il Bitcoin, da questo punto di vista, è una materia ancora parzialmente inesplorata. Anzi, in alcuni paesi è addirittura vietato, come in Bolivia e Myanmar, o ammessa con così tante restrizioni da rendere le transazioni tra privati impossibili persino sulla carta (Messico, Cina e India). L’Europa è il continente che più di ogni altro si è impegnata nel dare al Bitcoin, e in generale alle criptovalute, una cornice legislativa. Il riferimento è alla solita direttiva MiFiD. Se si guarda bene, però, ci si accorge che a essere regolamentati sono soprattutto i rapporti intermediati, ossia quelli che avvengono a livello dei soggetti autorizzati o delle istituzioni finanziarie. Sia chiaro, le transazioni tra privati sono lecite, ma sono poco o nulla disciplinate. Questo non fa altro che incrementare la percezione che, in fondo, pagare – e soprattutto ricevere pagamenti – in Bitcoin sia più un rischio che una opportunità di guadagno.

Dove si può pagare in Bitcoin in Europa

Rimanendo in territorio europeo, nonostante le difficoltà che abbiamo appena elencato, esistono esercenti che accettano pagamenti in Bitcoin. Sono pochissimi, per carità, ma esistono. La verità è che, alla luce di quanto detto fino ad adesso, sono solo un certo tipo di esercenti ad accettare la controversa moneta elettronica. Nello specifico, coloro che per un motivo o per un altro la conoscono già e ne sono in qualche modo appassionati. In alternativa, alcuni esercenti adottano il Bitcoin più per una questione di marketing che altro, magari per lanciare un messaggio di innovazione, per distinguersi dalla massa.

Amazon ha annunciato che presto permetterà di utilizzare i bitcoin per acquistare o regalare buoni.

Ora, se vi è venuta voglia di pagare in Bitcoin, dovete sapere che esiste un sito che vi mostra, in maniera molto intuitiva, dove sono i negozi “cripto-friendly”. Il sito è: anycoindirect . eu. Qui trovate una lista. Ebbene, sono pochi, veramente pochi.

Si nota, per, come il settore più rappresentato è quello dei negozi online, seguito dal food and beverage. C’è anche qualche Casino e qualche agenzia di viaggi (anche web).

Comprare casa con i bitcoin in Italia?

Se vuoi comprare casa usando i bitcoin, in Italia lo puoi fare se ti affidi ad un’agenzia che accetta pagamento in bitcoin. Ti consigliamo di leggere questo articolo.

Bitcoin, previsioni fino al 2020: cifre spaventose in vista?

Il Bitcoin è il vero protagonista di questo 2017. Il trend rialzista è costante, nonostante si ravvisi la volatilità tipica del mondo delle criptovalute (e che non dispiace agli investitori). Vi è grande curiosità sul futuro del Bitcoin. Raramente, infatti, un asset ha fatto segnare performance così importanti.

Il giocattolo è destinato a rompersi?

+Non è dato saperlo, visto che nessuno la ha palla di vetro. E’ possibile, però, per orientarsi in un contesto che ha ben pochi precedenti, disegnare lo scenario peggiore e lo scenario migliore. Molti analisti si sono posti questi obiettivi. Spiccano, su tutti, Peter Smith, CEO e fondatore di Blockchain (società che si occupa di dati e finanza), e Jeremy Liew (primo investitore di Snapchat). La coppia ha elaborato una proiezione che ha dell’incredibile. E’ una elaborazione autorevole, anche perché pubblicata su Business Insider.

Bitcoin come bene rifugio

I due tecnici hanno analizzato tutta una serie di fattori, la maggior parte contribuirà a trasformare il Bitcoin come un bene rifugio alla stregua dell’oro (o, volando più bassi, del dollaro, dell’euro e del franco svizzero). E’ necessario un certo lavoro di immaginazione per considerare il Bitcoin, moneta per adesso molto instabile, come un bene rifugio, ma tant’è: il continuo apprezzamento fa ben sperare in questo senso.

Il riferimento è all’incertezza politica negli Stati Uniti e nel Regno Unito, ma anche nelle nazioni in via di sviluppo. Fattori che potrebbero causare una fuga degli investitori verso i beni rifugio, tra cui spiccherebbe – dopo anni di apprezzamento – anche il Bitcoin.

Smith e Liew menzionano anche fattori di natura tecnologica, e non potrebbe essere altrimenti visto l’ambito in cui agiscono (ricordiamo che Blockchain è una azienda hi-tech). Nello specifico, hanno menzionato la crescita delle transizioni mobili, ossia quelle cashless. Il declino del contante potrebbe avvantaggiare in primo luogo quelle valute che nascono prive della versione contante, le criptovalute appunto. Il nodo cruciale è l’evoluzione dello stesso Bitcoin. Se saprà conquistare aziende e istituzione, queste permetterebbero i pagamenti in criptovalute, e allora la concorrenza nei confronti della valute tradizionali sarebbe spietata.

Il Bitcoin a mezzo milione di dollari

Alla luce di questi fattori, Smith e Liew hanno elaborato una proiezione sorprendente. Ebbene, entro il 2030 il Bitcoin raggiungerebbe la quotazione astronomica di 500 mila dollari. E’ una cifra a tratti incredibile, soprattutto se si pensa che attualmente la criptovaluta si attesta sugli 8000 dollari. Secondo le stime dei due tecnici, poi, gli utilizzatori di Bitcoin aumenteranno di 61 volte entro lo stesso termine del 2030, facendo della criptovaluta un mezzo di pagamento di massa. Questa stima è già più credibile, dal momento che questo ritmo è già realtà: il network del Bitcoin è passato da 120 mila a 6,5 milioni dal 2013 al 2018. Non è illogico pensare che tra 13 anni sfiorerà mezzo miliardo di persone.

E’ indubbio, però, che questi numeri sono vincolati al comportamento che le istituzioni adotteranno. Il Bitcoin ha bisogno di legittimazione, per svincolarsi da una percezione legata al concetto di speculazione più che di mezzo di pagamento.

25 € gratis per comprare e vendere Bitcoin e criptovalute con XM

I broker che offrono le quotazioni di bitcoin e bitcoin cash sono:

*il credito bonus è soggetto a Termini e Condizioni.

JP Morgan definisce il Bitcoin una truffa

Il CEO di JP Morgan, Jamie Dimon, ha attaccato fortemente il bitcoin definendolo una grande truffa. Dopo tale dichiarazione si è assistito ad un rintracciamento del prezzo da 5000 dollari a 3800.

C’è da fidarsi di JP Morgan?

E’ lecito chiedersi se ha fatto comodo per la banca comprare a prezzi scontati o se è realmente convinta della dichiarazione.

ico criptovalute

Goldman Sachs: presto nuovi prodotti per il trading di bitcoin

Di parere opposto l’altra grande banca americana che invece sostiene di stare studiando alcuni prodotti finanziari legati al bitcoin e adatti per il trading online.

Bitcoin vs Bitcoin Cash: analisi e prospettive

Il Bitcoin sta attraversando un periodo delicato. Dopo la sua incredibile esplosione, che l’ha posto su un trend ascendente come raramente se ne sono visti sul mercato, ha dovuto velocizzare il suo percorso evolutivo. Percorso che ha raggiunto una tappa che alcuni credevano inevitabile ma che ha comunque sconvolto gli investitori: la creazione di una moneta parallela. E’ nato così il Bitcoin Cash, che c’ha messo poco a far parlare di sé e a porsi al centro di animose discussioni. Ecco cos’è il Bitcoin Cash, in che cosa si distingue dal Bitcoin normale e quali sono le sue prospettive.
bitcoin cash

Bitcoin Cash, un passaggio obbligato?

Da quando il Bitcoin è iniziato a crescere in maniera costante e a ritmo sostenuto, nascondere la polvere sotto il tappeto è diventato impossibile. La “polvere”, nella fattispecie, è rappresentata dal problema storico della criptovaluta: la lentezza. Il sistema attorno al quale ruota il Bitcoin è in grado di processore solo 1 mega ogni 10 minuti e questo rende i pagamenti normali lenti e i pagamenti con grosse taglie estremamente lenti. Ciò ha rappresentato un ostacolo verso l’accostamento del Bitcoin alle valute tradizionali, ossia verso la promozione a mezzo di scambio. Per questo motivo, il Bitcoin è sempre stato considerato, in fondo, come uno strumento di speculazione…

25 € gratis per comprare e vendere Bitcoin e criptovalute con XM

I broker che offrono le quotazioni di bitcoin e bitcoin cash sono:

Il problema della lentezza non poteva essere ignorato a lungo, anche perché le criptovalute hanno già acquisito una certa dignità a livello internazionale e hanno attirato l’interesse delle istituzioni. Il Bitcoin, in questo contesto, rischiava di essere scavalcato dalle nuove valute virtuali. Ecco, quindi, la soluzione… Sdoppiarlo, creando una moneta parallela. Il Bitcoin Cash, appunto. La differenza sostanziale sta nei blocchi, che nella variante Cash non sono di 1 mega bensì da 8 mega.


Risultato? I pagamenti sono molto più veloci. Per il resto, il sistema è rimasto in variato, con la blockchain che rimane fortemente ancorata al concetto di decentralizzazione.

Il futuro del Bitcoin Cash

Il Bitcoin Cash ha fatto la sua comparsa il 1° di agosto. Ha esordito con una quotazione di 500 dollari, ha raggiunto in poche ore i 700 e poi, nel giro di qualche giorno, è sceso a 300. Una moneta fortemente instabile, a quanto pare. O forse no, dal momento che la volatilità può essere considerata, con un po’ di creatività certo, assolutamente fisiologica. In primo luogo, tutti gli asset al lancio sono volatili. In secondo luogo, gli scambi sono giocoforza ancora pochi.

Il bitcoin cash crescerà di valore fino a superare il bitcoin?

Il futuro del Bitcoin Cash si gioca sulla sua capacità di stabilizzazione. Peccato che la stabilità, essendo una moneta parallela, non dipende solo da lei ma anche dall’altra faccia della medaglia, ossia il Bitcoin classico. Ora, monete parallele sono sempre esistite. Alcuni progetti sono falliti, altri sono riusciti a sopravvivere. La discriminante è sempre stata una: la differenziazione. Le monete parallele sopravvivono se riescono a non “pestarsi” i piedi, ossia se sono in grado di ricoprire due funzioni diverse.

Se prendiamo questo principio per buono, l’unica possibilità di riuscita è la seguente: il Bitcoin Cash deve diventare la criptovaluta d’elezione per i pagamenti, il Bitcoin Cash deve diventare la criptovaluta d’elezione per l’investimento speculativo. A dire il vero, non è affatto difficile immaginare uno scenario del genere, dal momento che il Bitcoin, fino a questo momento, è stato utilizzato per fare trading piuttosto che per acquistare dei beni.

Criptovalute in crisi? La calda estate di Bitcoin ed Ethereum

Le criptovalute sono state una delle invenzioni finanziarie più importanti degli ultimi anni e con un successo in grande ascesa. Il riferimento del settore sono il Bitcoin e l’Ethereum, che però sono stati protagonisti di recente di uno scivolone notevole, per poi riprendere quasi immediatamente un trend positivo.

Le forti oscillazioni però stanno provocando dei dubbi intorno alle criptovalute e rappresentano una battuta d’arresto nell’evoluzione che, nella mente dei loro creatori, dovrebbe portarle da strumenti di investimento speculativo a moneta corrente vera e propria.

Broker con cui è possibile fare trading di criptovalute bitcoin e ethereum

I recenti problemi del Bitcoin


Da qualche mese il Bitcoin appare inarrestabile. All’alba del nuovo anno, ha toccato quota 1.000 dollari. A marzo aveva già superato il valore di un oncia d’oro. Poi è esploso il boom delle ICO, il sistema di offerte iniziali in crowdfunging, che ha fatto sognare i fanatici delle criptovalute e immaginare che possa sostenere progetti molto ambiziosi, anche di natura pubblica. Il 12 giugno, infine, ha superato i 2.900 dollari.

Il giorno dopo, il collasso: il bitcoin ha perso in una manciata di giorni un quarto del suo valore. Certo, la criptovaluta sta lentamente recuperando ma questa repentina discesa fa pensare.

Quali sono i motivi?

Ebbene, questi sono purtroppo strutturali, o per meglio dire a lungo termine, e lasciano pensare che il Bitcoin abbia perso, almeno per un po’, il suo slancio. La ragione principale risiede nella introduzione del BIP 148, richiesta esplicitamente dalla community di esperti. L’iniziativa consiste nella suddivisione della blockchain, una sorta di differenziazione tra il modello corrente e un modello nuovo, che punta a rendere più facili i pagamenti da dispositivi indossabili. E’ ovvio che la presenza di due sotto-blockchain rallenterà, e di molto, le transazioni. Gli investitori evidentemente non l’hanno presa bene e hanno “punito” il Bitcoin.

I problemi dell’Ethereum



Se il crollo del Bitcoin ha sorpreso i più, il collasso dell’Ethereum ha generato una ondata di stupore generale. Durante le sessioni del 5 e del 6 luglio, infatti, la criptovaluta ha perso quasi tutto il suo valore. E’ passata da 300 dollari a 0,10 dollari. Un collasso a cui è seguito un aumento altrettanto repentino, quantificabile in qualcosa come 2500 punti percentuali.

Insomma, cosa sta succedendo? Perché l’Ethereum è impazzito?

In realtà, questi movimenti dimostrano come ancora questi strumenti siano acerbi. Nulla di male, visto che sono sulla scena da poco tempo, ma è bene che gli investitori prendano le misure di questa estrema volatilità.

Nel caso dell’Ethereum, questo “su e giù” è stato provocato da alcuni rumor che sono stati successivamente smentiti. Il riferimento è alla presunta morte del creatore di Ethereum, Vitalik Buterin, che invece è vivo e vegeto.

Secondo alcuni analisti, poi, il crollo è stato favorito anche dall’inizio di una fase di profit-taking, che certamente – se guardiamo alle dimensioni del fenomeno – è frutto non solo di una necessità di tipo strategico ma anche di una diffidenza di fondo nei confronti di questa criptovaluta. Una diffidenza in parte fisiologica, dal momento che l’aumento del valore dell’Ethereum è stato persino più alto rispetto a quello del Bitcoin, se si considera il periodo gennaio-giugno 2017 (+400%).

Bitcoin oltre i 2.000 dollari: quale futuro per la criptovaluta

Quella del bitcon è una corsa trionfale. Ha raggiunto quotazioni record al limite di 2900 dollari superando il valore di 1 oncia d’oro quotata attualmente sotto 1300 dollari. Dopo qualche anno trascorso all’insegna della difficoltà, a cavallo tra il 2016 e il 2017 ha iniziato a crescere oltre ogni aspettativa. Il risultato è un bitcoin che, in prossimità del giro di boa di quest’anno, ha ampiamente superato i 2.800 dollari.

Quale destino si prospetta per la criptovaluta bitcoin?

Continuerà a crescere, magari a ritmi un po’ più bassi?

Si stabilizzerà?

Tornerà sui suoi passi?

Cos’è il bitcoin

I profani che si approcciano al bitcoin potrebbero sentirsi disorientati di fronte a una valuta capace di sovrastare persino il celebre biglietto verde. La tendenza, per di più basata sulla logica, è quella di dare fiducia al bitcoin. Una fiducia che, di contro, potrebbe venire meno una volta venuti a conoscenza di quello che il bitcon è realmente. E’ una criptovaluta, come molti sanno, ma è – soprattutto – una valuta acefala. Dietro non vi è alcuna banca centrale in grado di intervenire nei momenti di difficoltà o per sanare gli eventuali squilibri. In effetti, il bitcoin è una divisa letteralmente “consegnata” a quella che è la più importante legge del mercato: la legge della domanda e dell’offerta.

Puoi fare trading con i bitcoin e litecoin con diversi broker forex, cfd e di opzioni binarie come:

Un altro elemento da prendere in considerazione, e che in un certo senso contrasta con il concetto di valuta “libera”, è quello della sua… Finitezza. A differenza di altre criptovalute, come ethereum, il bitcoin è destinato, se non a concludere la sua corsa, perlomeno a rallentarla. E’ previsto infatti un rallentamento di emissione graduale. Un modo, questo, per mettere una pezza in caso di squilibri, o addirittura prevenirli. Ad oggi, è uno dei pochi meccanismi di protezione di cui il bitcoin è dotato.

Questi due elementi, l’assenza di una banca centrale e il rallentamento delle emissioni, pongono in essere una certa tensione e tendono a frenare i facili entusiasmi. Da qui il dubbio sul destino del bitcoin, che appare incerto nonostante il solido trend rialzista che lo sta attraversando.

Il futuro del bitcoin

Per riuscire a carpire il futuro della criptovaluta è necessario analizzare i motivi della sua crescita. In realtà, si tratta di una questione quasi esclusivamente normativa. Il bitcoin cresce soprattutto perché, dopo tanti anni vissuti nella penombra, sta per essere accettato come valuta legale dai vari paesi. Il Giappone, per esempio, ha riconosciuto il bitcoin ad aprile. Sulla stessa linea d’onda, le dichiarazioni del presidente della Fed di Minneapolis, Neel Kashkari, che ha plaudito al meccanismo della criptovaluta. “Secondo noi il parametro di riferimento è adesso la blockchain, la tecnologia sottostante, che è molto probabilmente più interessante ed ha forse più potenziale rispetto al bitcoin di per sé”.

Gli spazi per una ulteriore crescita ci sono tutti, anche perché il bitcoin è “abbastanza” sdoganato, ma non totalmente sdoganato. La forza propulsiva di questo elemento non si è ancora esaurita. Il trend rialzista, anzi, potrebbe rafforzarsi nel caso in cui il bitcoin subisse uno slittamento ulteriore di significato: da valuta adatta alla speculazione a bene rifugio. Le possibilità ci sono, viste le difficoltà che stanno incontrando le monete tradizionali.

Market mover prezzo Bitcoin

Il Bitcoin è la valuta virtuale più famosa. Il prezzo del bitcoin è influenzato da numerosi fattori ed apprezzato per la sua indipendenza (non fa capo ad alcuna banca centrale) e per l’estrema volatilità. Di recente il prezzo bitcoin ha abbattuto i suoi massimi storici, superando la soglia dei 1.200 dollari. Ciò non implica che il trading sia semplice. Per investire con profitto è necessario conoscere come minimo, i market mover Bitcoin, ossia i fattori che ne influenzano il valore.

Bitcoin: una valuta rifugio?

Il Bitcoin non è una valuta ufficiale, non nel senso stretto del termine. Non fa riferimento a un paese specifico, non è gestito da un’autorità finanziaria. Dietro la criptovaluta più famosa, infatti, vi è un algoritmo e alcune suggestive dinamiche di “immissione della liquidità” (come il mining). Dunque, come individuare i market mover Bitcoin? Semplice, è sufficiente analizzare gli avvenimenti che hanno accompagnato le fasi di estrema volatilità della moneta.

Il dato che si evince è abbastanza strano: il Bitcoin sta diventano un bene rifugio. Un po’ come l’oro, o come il dollaro e l’euro dei tempi migliori.

ATTENZIONE: il prezzo bitcoin registra un’elevata volatilità delle quotazioni e non è uno strumento adatto a chi non conosce il potenziale rischio o per chi non accetta improvvisi cambi di trend.

Prezzo Bitcoin: i fattori determinanti

Se seguiamo questo principio, possiamo rintracciare tre market mover Bitcoin non ufficiali ma comunque efficaci.

  • Panorama politico-economico internazionale. Ebbene sì, in qualità di bene rifugio, il Bitcoin fa segnare le migliori prestazioni quando il contesto politico ed economico è dominato dall’incertezza. Sono i dati a dimostrarlo. Nei giorni più convulsi della Brexit, la criptovaluta ha registrato il suo massimo a 24 mesi, portandosi rapidamente a quota 671 dollari. Dopo una breve flessione, dovuta principalmente al clima disteso post-referendum britannico, è tornato a risalire a seguito dell’elezione di Trump. In quel periodo, il Bitcon ha superato i 950 dollari.
  • Sofferenze sul piano valutario. Proprio come farebbe l’oro, o qualsiasi altro bene rifugio, il Bitcoin si avvantaggia delle difficoltà sul fronte valutario. Quando si instaura una corsa al ribasso, con le principale coppie valutarid che fanno segnare un andamento volatile, la moneta virtuale cresce. Un esempio? I mesi a cavallo tra il 2013 e il 2014, che i trader ricorderanno per una delle più rovinose guerre di valute degli ultimi vent’anni. Risultato? BitCoin a 1112 dollari. Proprio questo avvenimento ha acceso i riflettori sulla criptovaluta, anche perché fino a qualche settimana prima galleggiava intorno ai 100 dollari.
  • News che riguardano direttamente il Bitcoin. Il fatto che il Bitcoin non sia regolamentato da una banca centrale e che sia soggetta a dinamiche di puro libero mercato, non l’implica la totale assenza di notizie sul suo conto, sia positive che negative. Lo scandalo della piattaforma di scambio MtGOX fece crollare il Bitcoin al di sotto dei 500 euro (dal piccolo di 1112 di sei mesi prima). Di contro, le trattative sull’accettazione del primo ETF in criptovaluta tutt’ora in corso, e che pare si stiano risolvendo favorevolmente, hanno innescato una rivalutazione senza precedenti del BitCoin.

Correlazione negativa prezzo Bitcoin e Gold

Il bitcoin e il gold stanno creando una correlazione negativa che nel tempo si è evoluta e rafforzata. Questo vuol dire che ad un incremento di valore del bitcoin solitamente si contrappone una perdita di valore del Gold.

Il motivo è da ricercare soprattuto dalla funzionalità di “bene rifugio” del Gold che si sta erodendo nei confronti del Bitcoin. Oggi il bitcoin inizia ad essere considerato un “bene rifugio digitale”.

Molte persone (informatici e appassionati di monete digitali) stanno considerando di comprare bitcoin per un investimento di lungo periodo a discapito del Gold.

Ecco come si sono mossi il prezzo bitcoin e del gold nel tempo:

bitcoin

Da notare che il valore del bitcoin nei confronti del gold è cresciuto notevolmente dal 2010 ad ora. L’accelerazione più forte la stiamo vivendo in queste settimane.

In base a questo grafico se avessimo comprato bitcoin e gold dal 2010 ad ora avremmo un forte guadagno generato dal bitcoin e una leggera perdita sul gold (che non ha preso valore).

Bitcoin cosa sono i Bitcoin e la Blockchain

Con il termine “Bitcoin” si intende la più celebre valuta elettronica (criptovaluta) attualmente in circolazione. Rappresenta una case study molto particolare, in quanto è la prima moneta di questo tipo a ricoprire una certa importanza e offrire opportunità di investimento degne di nota. La sua caratteristica principale è la decentralizzazione. Non esiste un ente che in qualche modo ne regola il valore, dunque un equivalente della banca centrale. Il Bitcoin è in totale balìa della legge della domanda e dell’offerta.



Il Bitcoin è salito alla ribalta a causa della sua volatilità, che innesca spesso trend rialzisti particolarmente intensi. E’ sufficiente osservare il grafico a un anno per rendersene conto. Attualmente, un Bitcoin vale circa 736 euro. Sei mesi fa, tuttavia, ne valeva 685; un anno fa “solo” 305.

Nel 2013 il suo valore superò i 1000 dollari, ovvero valeva più dell’Oro.

Fare trading di bitcoin: come iniziare

Il Bitcoin è molto utilizzato dai trader che amano la volatilità e anche i broker forex stanno iniziando ad offrire le quotazioni della criptovaluta. Tra i broker innovatori troviamo:

  • IQoption con opzioni binarie bitcoin
  • Plus500 con le quotazioni di bitcoin e litecoin
  • TheRockTrading (broker specializzato nel trading di criptovalute con servizi aggiuntivi come Carta Prepagata e eWallet) – visita il sito ufficiale QUI

therocktrading

Bitcoin mining e altre particolarità

Il Bitcoin è nato nel 2009 da un informatico praticamente sconosciuto, di cui è noto solo lo pseudonimo: Satoshi Nakamoto. L’idea di base è geniale: creare una valuta priva di padrone, che quindi fosse in mano – certo da un punto di vista meramente teorico – solo dei suoi utilizzatori. L’idea è sostenibile perché viene declinata in un modello tutto sommato equilibrato, che coinvolge il concetto di “emissione della moneta su basi logaritmiche”. Ciascun Bitcoin, infatti, viene creato a seguito di un processo di calcolo molto complesso, secondo dei ritmi prevedibili. La quantità di moneta, come ha dichiarato lo stesso creatore, tende asintoticamente a 21 milioni.

Come si fa a ottenere dei Bitcoin?

Le strade sono due. E’ possibile acquistarlo, come si fa per le altre valute. E’ possibile, tuttavia, anche “estrarlo”. Dal momento che ogni unità viene generata a partire da un calcolo, quindi è coperta da un codice, si può in linea teorica individuare il codice per mezzo di un computer. E’ necessaria, tuttavia, una potenza di calcolo di gran lunga superiore a quella di qualsiasi pc domestico. Per tale motivo, si formano con regolarità dei gruppi di “mining” che condividono le proprie risorse e letteralmente “estrapolano” le monete.

Blockchain: una soluzione all’instabilità

La natura stessa del Bitcoin pone in essere alcuni rischi. Il nodo principale è la sicurezza delle transazioni, quindi la loro tracciabilità. Il tema è emerso a partire dal 2014, anno in cui sono scoppiati alcuni scandali. In uno dei più rilevanti il CEO di una società di scambio di moneta viruale, Mark Karpeles, è riuscito letteralmente a “fregare” l’equivalente di 350 milioni di dollari in Bitcoin.

Per questo motivo, è stato affinato il meccanismo della Blockchain (“catena di sant’Antonio in inglese), un sistema che offrirebbe svariate garanzie di sicurezza. E’, in estrema sintesi, un registro pubblico delle transizioni che segue un ordine cronologico, il libro contabile della valuta virtuale. Si è dimostrato molto efficace nella prevenzione del double spending, ossia dell’illecito per mezzo del quale un utente spende due volte lo stesso Bitcoin (e che sta alla base degli scandali).

Blockchain funziona in modo abbastanza semplice. E’ disponibile sotto forma di database, viene condiviso in peer-to-perr. Ciascun utente può scaricarlo e, proprio come succede in Torrent, diventare un nodo della rete. E’ un modo intelligente di garantire affidabilità e sicurezza in quanto assegna agli stessi utenti il ruolo di controllore.

L’intera rete di nodi è distribuita nel mondo e collegata e non modificabile. Nessun Hacker avrà la possibilità di modificare i nodi. Sulla base di questo elevato standand di sicurezza sono nati diversi progetti bancari legati alla blockchain.

Banche, istituti di moneta e diversi investitori della finanza e dell’informatica stanno creando strutture basate sulla blockchain ma con finalità differenti come:

  • banche dati sicure per informazioni mediche
  • banche dati sicure per il trasferimento di denaro in tutto il mondo e a bassi costi (oggi trasferire denaro nel mondo è ancora molto costoso perchè esistono diversi circuiti bancari che non dialogano tra loro)
  • banche dati per il trasferimento o la conservazione di dati personali

L’evoluzione dei Bitcoin, la criptovaluta nemica della politica

Mentre la vita reale scorre come normale che sia, da quel di Internet non tutto ciò che è “virtuale” rimane appunto sempre “virtuale”. E’ il caso dei Bitcoin, valuta nata sui fili della rete ma che passo dopo passo ha saputo evolvere fino ad assumere un peso sempre più incisivo nella finanza. Quella vera.



Come nascono i BitCoin

La forma “grezza” dei Bitcoin nasce nell’ambito di Second Life, un gioco che permetteva agli utenti di interagire tra loro con appositi personaggi e nell’ambito di dinamiche e luoghi molto realistici; proprio per darsi una veste quanto più vicina al vero i creatori di Second Life hanno così deciso di creare dei cosiddetti “Linden Dollars”, del denaro digitale convertibile tanto in euro quanto in dollari e utilizzabile per fare delle vere compravendite nell’ambito del gioco stesso.

Ecco, i Bitcoin che nascono solo pochi anni dopo poggiano sostanzialmente sulla stessa idea e sugli stessi meccanismi dei “Linden Dollars”.

L’evoluzione dei BitCoin

All’atto della loro nascita i Bitcoin venivano osteggiati e ridicolizzati un po’ da chiunque, anche perchè in pochi ritenevano davvero impossibile che una valuta virtuale e senza una banca centrale dietro potesse prendere il via in maniera seria, eppure la realtà dei fatti è stata tutt’altra: i Bitcoin sono cresciuti sempre più e negli ultimi tempi i suoi creatori hanno persino progettato delle carte di credito basate sul loro utilizzo! Sempre più negozi accettano poi questo sistema e in Svizzera, negli ultimi anni, alcuni comuni hanno aperto a questa criptovaluta per il pagamento delle tasse e dei servizi locali!

Bitcoin: Punti di forza e di debolezza

Il punto di forza (o di debolezza?) dei Bitcoin sta nel fatto che il loro valore aumenta o scende a seconda delle dinamiche di mercato, e il 2016 è stato un anno a dir poco cruciale per determinare questo meccanismo. Si pensi ad esempio che nel recente caso Brexit, i Bitcoin sono riusciti a crescere esponenzialmente di valore perché al contrario di altre valute – che hanno invece perso quota – sono considerati anche e soprattutto un bene di rifugio su cui investire nei momenti di maggiore difficoltà. In quei momenti nei quali praticamente “tutto il resto crolla”.

Con alcuni broker forex è possibile fare trading con i Bitcoin e sfruttare la loro volatilità. E’ il caso di Plus500Avatrade, IQoption e The Rock Trading.

I bitcoin di IQoption (opzioni binarie) sono possono essere usati per fare trading il Sabato e la Domenica.

Quotazioni e trend bitcoin

Non è un caso infatti se dai 6 miliardi siamo arrivati al punto in cui i Bitcoin controllano di fatto un mercato da 10 miliardi, ma ci si chiede se il trend preso nel 2016 possa in qualche modo continuare su questa linea: la valuta digitale, per quanto sia cresciuta e per quanto abbia retto agli scossoni del mercato, da molti non viene comunque considerata affidabile. Per capirne il vero grado di affidabilità (e di volatilità) bisognerà aspettare i prossimi mesi, ossia un periodo di tempo più lungo entro cui i Bitcoin avranno probabilmente modo di confrontarsi ancor più incisivamente con la realtà che ci circonda.

bitcoin

Da notare che l’aumento dell’instabilità dei mercati ha portato ad un incremento dei volumi di trading sul bitcoin con una conseguente crescita del suo valore che in pochi mesi è passato da 350 dollari a oltre 750. Il trading bitcoin è molto avventuroso ed è consigliato solo a chi ha ben compreso il rischio dell’alta volatilità.

Plus500

Potete provare a fare trading con i bitcoin con i broker sopra citati.

BitCoin forex: quali broker lo offrono?

I BitCoin rappresentano uno dei fenomeni tecnologici degli ultimi anni. Sono la prima valuta virtuale ad aver conquistato un certo successo, nonostante, di recente, abbia dovuto sopportare un rilevante numero di scandali (privacy, sicurezza, deep web) che ne hanno interrotto l’incredibile ascesa. Un’ascesa che ha portato la moneta “crittografata” oltre la soglia del rapporto 1000:1 con il dollaro e a valere più di un oncia di Oro.

La volatilità del BitCoin ne ha ispirato l’utilizzo nel trading online (tanto nel forex trading che nelle opzioni binarie). Molti trader sfruttano i trend e la volatilità del bitcoin per fare trading intraday.

BitCoin e broker forex

Le quotazioni del BitCoin non sono presenti in tutti i broker. I broker bitcoin con piattaforma MetaTrader 4 (tra le più utilizzate) si contano sulle dita di una mano.

Vanno segnalati, in questo senso, i seguenti broker:

Markets. E’ in possesso di una licenza australiana (ASIC, num. 424008) e di licenza europea (CYSEC), della licenza Consob e di altre minori. Offre le quotazioni dei bitcoin in tempo reale con la piattaforma MT4.

Plus500. Possiede la licenza CySEC. Anche in questo caso l’offerta di grafici è molto buona. La piattaforma è di semplice utilizzo sia per pc che per smartphone.

AvaTrade. E’ un broker con piattaforma MetaTrader 4. Possiede la licenza Consob e anche della Central Bank of Ireland (num. C53877) e altre minori.

BitCoin trading: le prospettive

I bitcoin sono sempre più popolari su internet e molti siti di e-commerce (e non) iniziano ad accettarli e valutarli come Amazon, eBay, Microsoft e altri. In questa prospettiva si può iniziare a valutare un futuro meno volatile per questa moneta e quindi andatto anche per chi vuole fare investimenti di medio o lungo periodo. Tuttavia le ultime vicende che hanno coinvolto la criptovaluta (vedi scandali su deep web, sicurezza e privacy) non hanno fatto altro che aumentare la notorietà della moneta e dunque è presumibile che i trader in “BTC” aumenteranno nel corso di quest’anno, con conseguente crescita della liquidità.

Inoltre il crollo del valore del BitCoin, pur rallentando, non accenna a fermarsi. D’altronde solo un anno fa si aggirava intorno ai 1.000 dollari. In questo periodo volge al di sotto dei 300 usd, ma è in costante calo. Ovviamente, è un trend di cui tenere conto per fare trading online.

Essendo una valuta virtuale, senza una Banca Centrale dietro, è comunque soggetta a una volatilità straordinaria, e questo non fa altro che porre in essere opportunità di guadagno, soprattutto se si fa trading veloce.

BitCoin e LiteCoin Trading

Confronto BitCoin vs LiteCoin

Una delle ultime novità in campo finanziario riguarda la nascita di monete elettroniche BitCoin e LiteCoin per il trading online che vengono create all’interno di piattaforme informatiche e che quindi non si servono di banche centrali per la loro emissione. Tutte le transazioni effettuate con queste tipologie di monete sono garantite da un sistema di criptazione che permette di mantenere un alto livello di sicurezza e privacy.

In quest’ultimo periodo sono nate diverse monete digitali, ma tra le più importanti possiamo includere soltanto Bitcoin e Litecoin che ne rappresentano quelle maggiormente sviluppate.

Scopri come fare Trading con i BitCoin, leggi qui!

Il Bitcoin è in realtà la prima moneta digitale immessa nel mercato, che sta conoscendo uno sviluppo alquanto importante e soprattutto ha acquistato costantemente valore all’interno dei mercati. Il suo creatore chiamato con lo pseudonimo Satoshi Nakamoto, nel 2009 ha avuto la brillante idea di creare una moneta totalmente elettronica che consente di effettuare transazioni senza servirsi di alcuna istituzione finanziaria. I Bitcoin possono essere acquistati, scambiati oppure guadagnati attraverso una piattaforma scaricabile gratuitamente e che utilizza la CPU del tuo computer per risolvere dei problemi complessi.

Dopo il grande successo ottenuto dai Bitcoin, sono sorte diverse monete digitali, ma quella che secondo il nostro parere sta ottenendo maggiori successi è il Litecoin. Il suo inventore Charlie Lee ha seguito le orme del Bitcoin apportando delle piccole modifiche, che secondo il suo punto di vista hanno reso migliore la moneta.

Tutte le caratteristiche sono sintetizzate nella seguente tabella:


 

 

Bitcoin

Litecoin

Anno di creazione

2009

2011

Limite max

21.000.000

84.000.000

Simbolo

฿

 L

Abbreviazione

BTC

LTC

Tempo per Blocco

10 min

2.5 min

Software

Opensource

Opensource

Proof of work

SHA2

Scrypt

Iniziali Indirizzi

B

L


I broker opzioni binarie e forex che offrono le quotazioni di BitCoin e LiteCoin per il trading online in tempo reale sono:

 

Broker Binarie

Payout BitCoin / LiteCoin

Scadenza BitCoin

TopOption

74%

17:10

 Vai al Sito
BD Swiss

74%

18:10

Vai al Sito

Per ottenere ulteriori informazioni su Bitcoin e Litecoin e su come fare trading online con BitCoin e LiteCoin, non esitare a contattarci a admin@guidatrading.com

Ecco alcune offerte:

bitcoin1