Home » Guide Trading » Azioni » 3 azioni americane da comprare

3 azioni americane da comprare

Abbiamo studiato i grafici e le candele giapponesi di 3 azioni americane da comprare per il trading online al rialzo. Si tratta di:

  • eBay
  • Linkedin
  • NetFlix

Abbiamo eseguito un long sulle azioni Apple la scorsa settimana e siamo in una buona posizione mentre oggi abbiamo comprato eBay che come potete vedere dal grafico azioni qui sotto, è perfettamente in linea con la tendenza settimanale e sopra la media a 21 periodi:

EBAYWeekly

Trading azioni NetFlix

Anche le azioni NetFlix sono molto interessanti da comprare perchè le quotazioni sono vicine alla media a 21 periodi sul grafico settimanale nella piattaforma WEB di Markets dove ci hanno dato 25 euro gratis e abbiamo fatto un piccolo deposito di 100 euro per provare il conto reale di trading:

netflix

Infine le azioni Linkedin mostrano pure un'interessante pattern di candele giapponesi sulla media a 21 periodi rialzista:

LINKEDINWeekly

Tra le varie analisi grafiche abbiamo naturalmente utilizzato l'indicatore TrendGT e tracciato i supporti dinamici al fine di trovare i migliori punti di ingresso. Con un piccolo conto me questo possiamo fare trading con posizioni da 0,01 lotti che ci fanno muovere il conto di pochi euro e ci permettono di studiare il trading online e migliorare senza farci male. I depositi più importanti saranno fatti in futuro quando la tecnica di trading azioni sarà efficiente e perfezionata.

Antonio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Google e Facebook pronti per l’acquisto di Twitter?

Può esistere un social network di nicchia? La risposta è positiva, se si punta a una redditività bassa. E’ quanto ha sperimentato Twitter, che nell’ultimo anno si è scoperto “meno di massa” rispetto a quanto sperasse. Gli utenti non stanno crescendo, gli introiti nemmeno, sicché la piattaforma cinguettante sembra ormai appannaggio di un pubblico ben definito e circoscritto, forse troppo. Se questa è la dimensione che spetta a Twitter, allora emerge chiaro un problema di ...