Home » Tag Archivi: trend following

Tag Archivi: trend following

Strategia trading ADX a 2 periodi

300x250_IT59Andiamo a studiare a fondo la strategia ADX a 2 periodi, molto diffusa nel trading online e soprattutto nel campo del Forex, volta all’obiettivo di migliorare la percentuale di riuscita negli investimenti intraday. Questo metodo prevede l’utilizzo del segnale forex ADX a 2 periodi per realizzare previsioni a basso rischio in funzione del trend presente sul mercato considerato. Si può usare nel forex ma anche per il trading sugli indici di borsa come il DAX.

Il concetto alla base della strategia che vi stiamo descrivendo è quello di trovare il momento perfetto per investire su un qualsiasi mercato. Utilizzando un periodo piuttosto breve come quello in questione, si ottiene un segnale estremamente sensibile. Raramente si scende sotto soglia 25: quando lo fa, si ha un segnale di break-out imminente.

La logica della strategia ADX a 2 periodi

In questa strategia di trading online analizzeremo il contesto della tendenza e cercheremo di anticipare con efficienza la direzione di break-out.

Esempi di trading rialzista e ribassista

Si tratta di un grafico forex a 5 minuti (metatrader 4 di Markets.com) che mostra una chiara sessione di trend rialzista e ribassista. Si considera anche il segnale EMA a 20 periodi, da confrontare con il nostro ADX a 2 periodi.

adx trading system

Se i prezzi si trovano sotto la media mobile esponenziale a 20 periodi e se l’ADX scende sotto 25, allora si vende. Nel caso contrario, ovvero prezzi sopra la EMA e ADX che tocca sotto il livello 25, il prezzo aumenta e rompe sopra uno swing alto, abbiamo il nostro segnale di inizio di una tendenza rialzista che possiamo sfruttare con la nostra strategia forex. Se dopo essere salito per diversi istanti il prezzo inizia a scendere, rimanendo però sopra l'EMA, la tendenza al rialzo è rimasta intatta.

Opinioni e recensione sull’ADX a 2 periodi

L'ADX a 2 periodi è un ottimo metodo per riuscire a raggiungere un livello di stop loss particolarmente affidabile. Lo svantaggio principale dell’ADX a 2 periodi è nel fatto che potremmo rimanere intrappolati in intervalli di trading eccessivamente ristretti. Tuttavia, combinando il segnale ADX a 2 periodi con il grafico principale del mercato (ad esempio confrontando il grafico forex M5 con il grafico H1), andiamo ad identificare con maggiore cura l'azione dei prezzi, limitandone l’utilità nella ricerca di nuovi trend da seguire. Non solo questo metodo ci dà una grossa mano a capire l’andamento di fondo: ci aiuta anche ad evitare falsi break-out.

Stop loss e take profit

In caso di errore lo stop loss sarà sempre relativamente stretto e posizionato sulla media EMA. Mentre il Take Profit lo applichiamo con un Risk/Reward di 1 a 2.

La pazienza è la virtù dei forti

Un'altra caratteristica del segnale forex in questione è che gli episodi di cui siamo alla ricerca si verificano raramente. Pensate a ciò che insegna la virtù della pazienza nel trading: invece di saltare in un trend per forza nell’immediato e senza logiche solide, provate a ragionare con la vostra pazienza, salendo sul “treno” durante la sua sosta perfetta.

La teoria delle linee di tendenza di John Hill per fare trading online

Le linee di tendenza sono strumenti di trading online di incredibile utilità. I trader esperti sanno bene che tramite un’attenta analisi delle stesse possono controllare l'evoluzione dei prezzi per mettere a punto previsioni attendibili. A questo proposito, la teoria di John Hill è sicuramente un ottimo punto di partenza per i principianti o per chi non ha mai utilizzato strategie di trend di questo genere.

Chi è John Hill?

Innanzitutto bisogna sapere chi è John Hill, visto che a lui alcuni trader devono veramente molto in termini di guadagni ottenuti grazie alle sue teorie. Si tratta del co-autore della fortunata guida "Ultimate Trading Guide", capace di riscuotere un successo incredibile in ambito internazionale. Hill ha inoltre scritto un altro libro meno conosciuto ma anch’esso altamente indicato ai trader, intitolato "Interpretazione scientifica dei grafici a barre", un manuale che al suo interno presenta un intero capitolo dedicato alla negoziazione con le linee di tendenza, con le quali entreremo ora nel dettaglio.

iqtrendgt

John Hill e i punti di breakout sulle linee di tendenza

John Hill ha introdotto nuovi concetti

Leggi Articolo »

“Trend Following” – la strategia di trading più popolare in tutti i mercati finanziari

IT_336x280_What_Do_You_Expect_From_a_Forex_Broker_v2Il “Trend Following” è la più popolare strategia di trading online a lungo termine in tutti i mercati finanziari. È estremamente efficace e vantaggiosa quando le condizioni sono favorevoli, è molto semplice nella sua metodologia e ci sono molte persone, passate e presenti, famose o sconosciute, che hanno utilizzato questa strategia per il successo e la ricchezza. Dobbiamo notare che l'aspetto tecnico del “Trend Following” è infatti molto semplice, ma anche che richiede, prima di tutto, la disciplina, sana gestione del denaro e pazienza da parte del trader. Il Trend Following non è un metodo a breve termine, la pazienza, la determinazione sono importanti così come l'analisi tecnica studiata bene sui grafici.

I Trend sono creati da potenti fattori economici di fondo e non può essere tutto chiaro a coloro che non sono molto familiari con l'analisi fondamentale. Ma i semplici modelli creati dall'azione dei prezzi in risposta agli eventi economici possono spesso essere identificati attraverso metodi che sono facili da imparare e da applicare. Così, il trader ha tanto potenziale di successo come l'analista più esperto se riesce a controllare le sue emozioni e comportarsi logicamente.

Identificare un Trend

Per applicare questa strategia dobbiamo prima essere a conoscenza dell'esistenza di un trend. Sia l’analisi fondamentale che tecnica possono essere impiegati per identificare un trend ed entrambi hanno i loro vantaggi e svantaggi. È in genere una buona idea utilizzare una combinazione di loro per decidere il carattere del trend e decidere i nostri punti di ingresso e di uscita.

Seguire il Trend

Il TrendGT nasce per aiutare i trader a interpretare il trend di mercato e seguirlo al fine di guadagnare con la strategia del trend following. Ecco un esempio grafico:

trend following

Da qui, cerchiamo di utilizzare il dialogo tra il trader di successo e il principiante per spiegare i principi in un modo più semplice.

il principiante : B

trader di successo : ST

B: Voglio usare il metodo di “Trend Following”. Come lo faccio?

ST: Si deve in primo luogo scegliere se si desidera utilizzare l'analisi tecnica o fondamentale per il metodo, o una combinazione di entrambi.

B: C'è una differenza tra questi metodi?

ST: Sì. L'analisi fondamentale e’ in grado di fornire informazioni che possono prevedere la forza e la durata di un trend. Mentre l'analisi tecnica in grado di mostrare come si sviluppa. E’ possibile basare la tua strategia su uno di questi, ad esclusione degli altri ed è ancora possibile girare un profitto se si è abbastanza fortunati, ma il nostro principio è sempre stato quello di ridurre il ruolo della fortuna per il meno possibile. L'analisi fondamentale è più affidabile dell’analisi tecnica per definire un trend che ha un potenziale a lungo termine, ma senza l’analisi tecnica sarebbe estremamente difficile decidere quando o come fare trading. L'analisi tecnica può suggerire l'inizio di un trend, ma è improbabile che possa dire molto circa la lunghezza o la forza della stessa. Così, io suggerisco di utilizzare entrambi i metodi tecnici e fondamentali per la strategia Trend Following, con i fattori fondamentali eliminando i falsi segnali di analisi tecnica, e gli strumenti tecnici fornendo con un lasso di tempo-prezzo per decidere i punti di ingresso.

B: Come faccio a decidere sull'esistenza di un trend ?

ST: Ci sono molti strumenti tecnici che possono segnare il trend, ma ci sono un numero uguale di falsi segnali generati da essi. Ricordate che ci sono solo tre tipi di trend che possono esistere in qualsiasi momento: piatto, verso l'alto o verso il basso ed è possibile parlare di trend tra due punti su un grafico di prezzo. Basta prendere due punti casuali su un grafico, tracciare una media mobile su di esso, e il modello che si pone può essere analizzato come un trend. Così è sempre necessario avere almeno una base di comprensione dei fattori economici che possono creare trend, prima di decidere la validità di un modello grafico.

B: E come posso fare?

ST: familiarità con il quadro generale; capire cosa spinge i trader del mercato; riconoscere la fase del ciclo economico.

B: Che tipo di modello di prezzo creerà un trend?

ST: A seconda del tipo di trend (cioè rialzista o ribassista), successivi alti e bassi dovrebbero costituire un modello di salita o di discesa, con relativamente poche irregolarità. Ma un caso del genere è spesso una rarità e il trader dovrà sostenere i suoi schemi tecnici con convinzione che può forse essere acquisita solo attraverso l'analisi fondamentale. Il trend che dobbiamo ricercare deve essere riconoscibile visivamente e non deve essere confuso con i movimenti casuali o intraday.

B: Se il trend può essere identificato visivamente, perché usare strumenti tecnici?

image.creative.crt.image_2211_0_0

ST: Anche se si nota l'esistenza di un trend, abbiamo ancora bisogno di strumenti tecnici per tradare e nello stesso tempo misurarlo che in inglese si chiama “Market timing”.

B: Allora proverete il “Market timing”? Mi hanno detto che non funziona mai.

ST: Il Market timing non funziona quando si cerca di prevedere punti di inversione su una base tecnica. Tuttavia il Market timing, nel contesto di una tendenza, ha lo scopo di evidenziare le fasi di contro-tendenza che si utilizzano per entrare in un trade in un livello di prezzo vantaggioso. Infatti nel Trend Following vale la seguente regola: riconoscere la tendenza, identificare la contro-tendenza (pausa del mercato) e la usa per entrare in un trade in direzione del trend.

B: In un certo senso, quindi, si aspettano i movimenti di breve per seguire la tendenza a lungo termine?

ST: Sì. In effetti, si trova l'anima e lo spirito di tutte le transazioni. Per utilizzare i comportamenti irrazionali a breve termine del mercato, al fine di entrare in posizioni lunghe in allineamento positivo con i fondamentali (o, a volte solo la tendenza), è il cuore di tutto il trading di successo.

B: Quanto tempo il Trend Following puo’ mantenere la sua posizione?

ST: Per sempre, o per l'esattezza, il più a lungo; le ragioni fondamentali che appoggiano la tendenza sono dominanti. Se il trader non è in grado di identificare tali motivi, se non è disposto a farlo, o se non crede, per qualche ragione insondabile, che sono utili, può utilizzare i modelli tecnici per misurare il suo punto di uscita. Anche se il professionista è consapevole dei fattori fondamentali ed è in grado di valutare correttamente, l'analisi tecnica può ancora fornire un sistema di allarme precoce molto utile. Se l'azione dei prezzi suggerisce fortemente che ci sia qualche errore di prospettiva fondamentale del trade, può utilizzare i segnali tecnici come un'occasione per rivalutare e riesaminare la sua immagine fondamentale.

B: Come faccio a misurare il mio trade con l'analisi tecnica?

ST: I migliori strumenti per il Trend Following sono forniti da medie e semplici grafici dei prezzi in movimento. I grafici a barre, o a candee e molti altri possono essere altrettanto utili se impiegati con le medie mobili. E' anche possibile utilizzare in movimento crossover delle medie, e una miriade di altri metodi, ma a seconda la quale si sceglie di utilizzare, è necessario assicurarsi di non complicare l'aspetto principale della vostra strategia, che è Trend Following.

B: Che periodo di tempo mi consigliate per le media mobili?

ST: Se si desidera il trade su base settimanale o giornaliera, le medie mobili a 100 periodi saranno probabilmente in grado di catturare la maggior parte delle tendenze importanti per voi. Tutto ciò con un periodo più lungo è probabile che sia privo di significato a causa di troppi dati scartati e qualsiasi lasso di tempo che è troppo al di sotto del periodo di 100 giorni potrebbe essere troppo sensibile al movimento dei prezzi. Ma come al solito, si possono usare altri tempi sotto i 100 giorni, a condizione di non ingombrare lo schermo con un sacco di indicatori, grafici e strumenti.

B: dove dovrei mettere il mio stop loss e prendere i profitti?

ST: Questo dipende dal tuo metodo di Trend Following. Un ordine stop-loss può essere posto a breve distanza al di sopra o al di sotto della linea di trend, se è fornito dalla media mobile, o una semplice linea disegnata sul grafico. A nostro parere, il seguace di trend non dovrebbe realizzare i suoi profitti fino a quando non ha una buona ragione per farlo. Lo scopo di questa strategia di trading è quello di concentrarsi sulle dinamiche dei prezzi sottostanti mettendo a nudo movimenti di volatilità e di breve termine e c'è poca logica per realizzare profitti in risposta alle fluttuazioni che sono irrilevanti per l'azione principale del trend. 

B: Ma devo ancora prendere un profitto ad un certo punto. Dove dovrei farlo?

promoDisplay

ST: valuta sempre di calcolare un Risk/Reward di almeno 1 a 2… ovvero se rischi 50 pips allora cerca di guadagnare almeno 100 pips.

B: Come faccio a sapere se arriva al target?

ST: Come abbiamo appena spiegato, è possibile utilizzare le medie mobili per decidere il trend, ma la forza del trend dipende dalle cause fondamentali e quindi è necessario uscire dal trade una volta che tali cause sono eliminate. Per riassumere, seguire il trend è il modo più semplice e diretto per fare soldi nel mercato Forex. Ma la negoziazione di successo richiede la previsione fornita da analisi e la pazienza che viene solo con fiducia.

Strategie intraday Opzioni Binarie

Opzioni binarie, le strategaie del trend e la velocità del trading

Quando arriva il momento di pensare alle strategie di trading intraday, ci sono due i fattori da tenere conto: il trend e la velocità. Le scelte che riguardano il trend e la velocità fungono da base alla gestione della parte strategica che, nelle opzioni binarie quanto nel forex trading in generale, ricopre un ruolo importantissimo.

Stare nel trend

Il trader può decidere di “stare nel trend”. O meglio, di seguirlo. E’ a tutti gli effetti l’approccio più logico, dal momento che, in assenza di sconvolgimenti economici, gli asset tendono a disegnare andamenti specifici. Le inversioni sono fenomeni da tenere d’occhio, possibilmente da intuire prima che accadono, ma non sono poi così frequenti.

Il vantaggio di seguire il trend è che, in linea di massima, ci sono minori probabilità di perdere capitale. Lo svantaggio è rappresentato invece dalla capacità del trader di individuare la fine del trend.

In generale le strategie di trading che seguono il trend principale sono definite di tipo “Trend Following” e possono essere eseguite sia sul forex tradizionale che attraverlo le opzioni binarie.

Andare contro il trend

Il forex trader però può decidere di “giocare d’azzardo” e scommettere su una inversione del trend. “Azzardo” è in questo caso un termine forse un po’ eccessivo, dal momento che, in realtà, l’apertura di posizioni in contrasto con il trend è un’attività che va pensata, e che deve derivare da uno studio di analisi tecnica sui grafici quando ad esempio si individuano forti livelli di supporti e resistenze.

Andare contro il trend e generare profitti è comunque possibile. Anche perché le inversioni temporanee non sono poi così infrequenti. Pensiamo all’effetto rimbalzo: quando un asset insiste nel suo trend ma, per ragioni emotive (del mercato), lo fa con troppa intensità, può andare incontro, appunto, a un rimbalzo. Se il trader si “inserisce” in quel preciso momento, il guadagno può essere alto.

L’insidia maggiore, quindi, è la difficoltà nel comprendere in quale preciso momento si verificherà il rimbalzo e se avrà una durata tale da poter riuscire a fare guadagnare con le strategie contro trend.

I trader che lavorano in contro trend sono numerosi e spesso agiscono con strategie a martingale.

Trading veloce e non

Se prendiamo in considerazione il fattore velocità, abbiamo a disposizione due approcci: quello a breve termine e quello a medio (o anche a lungo) termine. Con le opzioni binarie si può tradare a 2-5 minuti ma anche a un’ora e più. Le differenze tra le due strade sono molteplici. La prima richiede molto sangue freddo e capacità di prendere decisioni nel minor tempo possibile, ma ha il pregio di generare – alla lunga – guadagni consistenti. La seconda strada non richiede qualità “mentali” particolari ma è meno profittevole.

Una cosa, infine, non bisogna dimenticare. La scelta sulla velocità dipende dal tipo di asset. Il trading a breve termine si sposa con gli asset volatili, come le valute, mentre non ha molto senso con asset molto stabili nel tempo come le azioni.

Il Trading Veloce sul forex è chiamato Scalping online mentre sulle opzioni binarie è detto “opzioni binarie veloci” oppure “scalping opzioni binarie” e si usano scadenze di 30 secondi, 60 secondi, 90, 120 e 300 secondi.

La maggior parte dei broker opzioni binarie regolamentati Consob in Italia offre questo tipo di strumenti di trading, ecco la lista: http://guidatrading.com/segnali-opzioni-binarie/confronto-opzioni-binarie-60-secondi-120-e-300-secondi/

Come usare il MACD con il filtro medie mobili 1/2

Il  forex in questi ultimi anni è diventato il mercato più attivo e liquido in assoluto, affascinando numerosissimi investitori in tutto il pianeta, i quali diventano sempre più consapevoli dello sviluppo e delle possibilità di guadagno. Proprio per questo i trader sono sempre alla ricerca dei metodi e delle strategie di trading che consentono di ottenere il massimo successo. Sicuramente un fattore determinante per il successo nel mondo del trading online riguarda la capacità del trader di individuare tutte le opportunità presenti nel mercato forex ed allo stesso tempo riuscire a trarne benefici. Uno dei migliori metodi e sicuramente anche più redditizi seguiti dai professionisti del trading online è quello di effettuare operazioni seguendo la direzione del trend principale di lungo periodo. In questo articolo punteremo proprio su queste tipologie di strategie analizzando una strategia di trend following ed in particolare spiegheremo come usare il MACD con il filtro medie mobili.

IT_lifes_different_with_money_200x90

Trovare il Trend

La maggior parte delle negoziazioni nel mercato forex si basano sul breve termine sia che esso sia realizzato da grandi operatori o istituzioni che da piccoli traders. Il richiamo del  trading a breve termine è molto forte soprattutto perché il trader limita in modo sostanziale la quantità di tempo che il capitale è a rischio. Sicuramente nel trading a breve termine non c’è nulla di sbagliato, ma se si vuole avere un’immagine più chiara e precisa occorre analizzare il trend di lungo termine.

trading60secondi

Anche se molti metodi di trading a breve termine possono essere redditizi, nella maggior parte dei casi è più semplice fare soldi seguendo la direzione del trend principale piuttosto che andare contro il trend. Secondo questo principio prima di realizzare qualsiasi trade occorre identificare il trend principale del mercato. L’obiettivo principale è quello di focalizzare l’attenzione su trade lunghi quando il trend principale è rialzista, oppure trade a breve quando il trend è ribassista.

Concentrarsi sul lungo termine

Nell’immagine in basso viene mostrato un esempio di grafico mensile relativo alla coppia Sterlina/Yen. Come con qualsiasi altro titolo, ci sono dei momenti in cui questa coppia avanza, declina oppure rimane all’interno del range. Il nostro obiettivo principale deve essere quello di poter stabilire se il trend principale è bullish, bearish oppure neutrale. Nessun metodo può essere attendibile al 100% ma il nostro scopo principale deve essere quello di identificare la direzione e non gli specifici punti di entrata o uscita.

imm 1

Ottieni 25 euro subito e senza vincoli. Clicca Qui!!!

Continua>>