Home » Tag Archivi: euro

Tag Archivi: euro

I massimi di EURUSD e i minimi del Petrolio: come fare trading?

Ecco un quadro della situazione economica e finanziaria in Europa e negli Stati Uniti che influisce attualmente sul cross forex EURUSD e sul Petrolio per impostare un buon piano di trading online.

Fare trading sul cross forex EURUSD

Agli inizi di questa settimana, Lunedì 7 dicembre abbiamo visto l'EUR/USD tra 1,0794-1,0888. Ieri il cross forex EUR/USD ha toccato i nuovi massimi sopra 1,10 realizzando anche una divergenza ribassista sull'indicatore RSI. Ecco il grafico dove si evidenzia un massimo sui prezzi del grafico EURUSD H4 che non corrisponde ad un massimo nell'oscillatore RSI (cosa è l'RSI? leggi qui):

EURUSDH4

Il trading dell’EUR/USD può essere influenzato da una serie di relazioni macroeconomiche secondo la situazione in Europa e negli Stati Uniti, come segue.

In Europa quest’anno, c’e’ stata una crescita del 1.6%, rispetto al 2011 e questo e’ stato riportato il 13 novembre 2015 dal Gross domestic product (GDP), tradotto come “Il prodotto interno lordo (PIL)”.

Secondo i dati provvisori pubblicati il ​​13 novembre, tra gli stati membri dell’europa, l'economia tedesca è cresciuta dello 0,3% nel terzo trimestre rispetto al secondo trimestre. L’economia italiana è cresciuta dello 0,2 %, quindi un tasso trimestrale più lento. In belgio, spagna, lettonia e austria (+ 0,2%, + 0,8%, + 0,4% e + 0,1% ) è aumentato ad un ritmo più lento, mentre il portogallo è rimasto invariato. L’economia in estonia e in grecia ha contratto lo 0.5%, mentre la crescita finlandese si è ridotta dello 0,6%. L’economia francese ha registrato una crescita trimestrale più veloce (0,3%), la lituania ha registrato una crescita del 0,5%, mentre i tassi di crescita a cipro, paesi bassi e slovacchia sono rimasti gli stessi, come nel trimestre precedente (+ 0,5%, + 0,1% e + 0,9% ), secondo il rapporto di Eurostat.

Nel caso in cui la seconda stima del GDP eccede le aspettative del mercato, questo avrebbe un forte rialzo sull’euro.

Stati Uniti: opportunità di lavoro, effetto limitato rialzista sul dollaro

Il numero di opportunita’ di lavoro negli Stati Uniti, probabilmente è sceso a 5.525 milioni nel mese di ottobre, secondo la previsione da parte di esperti. Nel mese di settembre sono stati segnalati 5.526 milioni di offerte di lavoro, in piu’ rispetto al mese di luglio. I dati delle offerte di lavoro vengono dalla Survey Job Openings and Labor Turnover, un ente che raccoglie i dati da circa 16400 stabilimenti non agricoli, rivenditori e produttori, così come federali, statali e enti locali nei 50 stati del distretto della Columbia. L'indagine valuta la domanda insoddisfatta di lavoro nel mercato. Un numero superiore rispetto alle previsioni di offerte di lavoro, di solito hanno un limitato effetto rialzista sul dollaro.

Vi consigliamo di usare la piattaforma opzioni binarie Iqoption per tradare la volatilità del EUR/USD in questi giorni. Una piattaforma molto avvanzata e facile da usare con indicatori e non per principianti ed esperti traders.

Il prezzo del petrolio scende? Che succede alla sterlina?

Fare trading con il petrolio

Il prezzo del petrolio, è sceso a un livello molto basso rispetto al 2009

Il motivo per cui il petrolio e’ sceso da oltre sei anni, e’ perche’ l’ Opec che in inglese sta per “The Organization of Petroleum Exporting Countries” tradotto “L'organizzazione dei paesi esportatori di petrolio” effettivamente ha abbandonato la sua lunga strategia di limitare la produzione per controllare i prezzi. Quindi ora c’e’ stata una speculazione di un eccesso globale record che sarà prorogato. Qui sotto piu’ dettagli a riguardo.

Il prezzo del petrolio scende rispetto a sei anni fa

Nel 2014 il petrolio ha raggiunto quasi 108 $ al barile; Il recente eccesso di offerta ha iniziato a spingere i prezzi verso il basso a maggio, a seguito del cambiamento da Opec per proteggere la sua quota di mercato contro le tecniche nuove e più economiche per l'estrazione di petrolio, come il fracking.

L’Opec manterra’ un pompaggio di circa 31.5 millioni di barile al giorno, ha detto il Presidente Emmanuel Ibe Kachikwu, venerdi scorso dopo la riunione a Vienna. L’ Opec sta mettendo da parte la sua produzione di quota a 30 millioni al barile al giorno, fino a quando i membri non si riuniranno di nuovo nel mese di giugno per ridiscuterne.

L'ultima discesa del petrolio a $ 40 invece, è il risultato dalla decisione dell'OPEC la scorsa settimana, in cui si sono rifiutati di diminuire la produzione, una mossa che avrebbe fatto salire di nuovo i prezzi del petrolio. Inoltre Il petrolio è crollato oltre il 40 % da quando l’Arabia Saudita ha utilizzato la decisione dell'OPEC nel mese di novembre 2014 per mantenere la produzione e difendere la quota di mercato contro un alto costo dei produttori degli Stati Uniti . Scorte globali hanno ampliato la produzione a quasi 3 miliardi di barili, perche’ i sauditi, la russia e l'iraq hanno aumentato l'offerta, secondo l'agenzia internazionale per l'energia,

Paesi come il canada, il quinto produttore mondiale di petrolio, ha sperimentato grosse perdite nelle loro industrie petrolifere e un taglio del personale. Meglio restare ribassisti sul CAD (moneta canadese).

La discesa del petrolio accellera il rialzo del dollaro. Benzina e diesel hanno chiuso anche a livelli più bassi, cosa che non era ancora successa fin dalla crisi finanziaria del 2008, che ricordiamoci aveva mandato gli stati uniti in una recessione.

800 euro in 15 giorni – ecco come fare trading

Oggi ho chiuso le posizioni con gli short sulle opzioni CALL di Plus500 aperte il 17 Giugno con un buon guadagno di circa 800 euro. Ho realizzato anche un video nella fase di chiusura e liquidazione del portafoglio:

opzioni plus500Adesso tengo tutto liquido finchè non abbiamo una migliore e trasparente visione anche sull'esito delle trattative con la Grecia e i creditori (BCE e FMI) e soprattutto per l'esito del referendum greco.

Anche il futuro dell'Italia è strettamente legato alla storia economica che si sta scrivendo in questi giorni. 

Il TrendGT continua a darci ottimi spunti operativi ma nei prossimi giorni ci concentreremo solo per il trading intraday sul forex o con le opzioni binarie.

Lezioni di Trading online gratis

webinar-forex-trading

Intanto vi ricordiamo i 2 appuntamenti con i Webinar Formativi al Trading online:

  • Corso spread trading sul forex con XM giorno 1 Luglio ore 19:00 – Gratis
  • Corso pattern Uncino di Ross con OptionTrade giorno 2 Luglio ore 20:00 – Gratis

entrambi i webinar sono realizzati in collaborazione con il nostro collaboratore e trader indipendente Lorenzo Sentino.

Euro e Sterlina – il futuro dell'Europa

trendgt

Le quotazioni intraday hanno mostrato una forza differente tra EURUSD e GBPUSD. E' evidente in questo momento l'utilizzo e la preferenza della sterlina come strumento di trading online rispetto all'euro. Infatti si nota come la chiusura del gap down sia avvenuta molto più facilmente su GBPUSD che su EURUSD. In entrambi i casi il movimento di recupero è stato forte e deciso ma siamo sicuri che non è solo una reazione temporanea?

Cosa è il Quantitative Easing, cause ed effetti in corso

Parte il QE, significato ed effetti

A marzo si è avviata la nuova operazione della Bce decisa Mario Draghi e definita Quantitative Easing, che significa letteralmente “Allegerimento Quantitativo”

Il QE annunciato da Draghi prevede l'acquisto di titoli per 60 miliardi di euro al mese, da marzo 2015 a settembre 2016, titoli acquistati dalla Bce per un massimo del

Leggi Articolo »

Draghi svaluta l’EURO sotto 1,10

Dichiarazioni di Draghi alla conferenza stampa della BCE

La BCE e la Grecia, Draghi smorza le speranze di Tsipras

C'era attesa per le dichiarazioni di Mario Draghi alla conferenza stampa mensile della BCE, a Nicosia.

Mario Draghi nella conferenza stampa al termine del direttivo della Bce è stato netto, concedendo ad Atene soltanto

Leggi Articolo »

Grecia, Petrolio e Azioni – Segnali Trading

Gli eventi economici di questa settimana sono concentratri sul fronte Grecia, Euro e Ucraina con l'incontro di oggi di Putin con la Merkel (e Holland) e allo stesso tempo di Tsipras con l'OCSE.

parentesi: perchè la Merkel si porta Holland????

Tutto ciò ha creato nel pomeriggio un incremento della volatilità nei mercati e abbiamo selezionato 3 titoli su ci potrebbe essere molto interessante posizionarsi nei prossimi giorni.

Petrolio – Ribasso in vista

USOILH4Il TrendGT ci fornisce già un segnale di ribasso sul petrolio. La rottura del supporto dinamico che si era creato ha dato origine ad una spinta al ribasso verso il minimo precedente. E' dunque consigliato aprire posizione al ribasso su opzioni binarie con scadenze a fine giornata.

Consulta le Quotazioni Petrolio in tempo reale

Azioni Unicredit

I dati sugli utili hanno deluso gli investitori e oggi il titolo segna un forte ribasso. Tuttavia dal grafico si evidenzia che siamo su un supporto dinamico crescente che potrebbe arrestare qui il movimento ribassista.

UNCRDDaily

Sembra un buon punto per entrare al rialzo. Il TrendGT sta formando un segnale ribassista sul grafico Daily ma se il prezzo non va sotto tale supporto io non lo considero attendibile e anzi, mi metterei al rialzo.

Azioni ENI

EN.IDailyIl titolo legato al Petrolio nel listino italiano è sicuramente ENI (e la controllata SAIPEM). Anche in questo caso si vede un supporto dato dal 23,6% del primo ritracciamento di fibonacci. In quel punto entrerei al Rialzo in linea con il TrendGT e con l'obiettivo al 38,2 di Fibonacci. Anche il 50% di fibonacci rimane un livello ambizioso dove tra Ottobre e Novembre il titolo si era stabilizzato.

Per fare trading con le azioni o con il petrolio consigliamo i seguenti broker CFD regolamentati Consob:

Come ottenere l'indicatore TrendGT

Se vuoi avere i grafici avanzati con l'indicatore TrendGT scrivi a admin@guidatrading.com