Home » Tag Archivi: crisi banche

Tag Archivi: crisi banche

Crisi banche: Deutsche Bank vs Unicredit catastrofe in arrivo?

La vicenda Deutsche Bank rivela una triste verità: in tutti questi anni abbiamo guardato il dito e non la luna. E’ stata attribuita la responsabilità della crisi al debito pubblico, quando invece i maggiori problemi riguardavano – e riguardano – il debito privato, il settore del credito. Insomma, le banche europee.

Crisi banche: nessuna banca europea è sicura

E’ sempre più vicina l’ipotesi di un fallimento della Deutsche Bank, la più grande istituzione finanziaria della Germania. Ufficialmente, per una questione di risarcimenti: il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti pretende 14,6 miliardi dalla banca tedesca in quanto colpevole per aver innescato la crisi dei mutui subprime. Una cifra che viene giudicata insolvibile dai più. Tuttavia, i problemi gravi sono ben altri. Giusto per elencarne qualcuno: vendita in perdita della quota in Postbank e della società cinese Xia Bank, accumulo di titoli di Stato insolvibili (es. quelli greci), manipolazione dei tassi Libor del mercato valutario…

Questo e molto altro ha provocato una crisi di liquidità, acuita in maniera intensa dal recente crollo in borsa. Gli investitori, preso atto delle difficoltà della banca, hanno deciso di abbandonarla al suo destino, sicché il titolo è sceso ai minimi storici. D’altronde, la Merkel è intenzionata a fare lo stesso. La cancelliera ha sbarrato la strada all’ipotesi del salvataggio. Una tale dichiarazione di intenti non ha fatto altro che peggiorare la situazione, creando una profonda sfiducia nei mercati.

Ma cosa accadrebbe se la Deutsche Bank non venisse salvata e andasse incontro al fallimento?

La gravita di un evento di questa portata è intuibile anche dai non addetti ai lavori. Le conseguenze concrete riguardano l’effetto contagio e l’elemento emotivo, irrazionale. Danni oggettivi e panico tra i mercati: un mix potenzialmente letale.

Per quanto riguarda i danni oggettivi, va specificato che la DBank è piena di derivati, strumenti che com’è noto aumentano il grado di interconnessione tra le banche e con le realtà del tessuto finanziario, economico, commerciale. Ecco dunque che una Deutsche Bank non più solvibile causerebbe una crisi di liquidità in Europa, innescando il più classico degli effetti domino. Le conseguenze di questo evento verrebbero ingigantite dalla non rosea situazione delle banche, in primis italiane. Giunti a questo punto le previsioni catastrofiche si sprecano.

L'ultima quotazione attuale è di 11 euro ma gli analisti sostengono che il prezzo è destinato a scendere fino a 7,35 euro!

Corsa agli sportelli per ritirare il contante

Per comprendere i risvolti emotivi, è sufficiente entrare nei panni del risparmiatore medio. Qualsiasi contribuente correrebbe allo sportello se sapesse che la sua banca sta per fallire. Succederebbe esattamente questo: prima con la DBank stessa, che quindi crollerebbe nell’abisso in modo più repentino e meno controllabile, e poi con le altre banche – italiane comprese – che trarrebbero pesanti svantaggi dal fallimento del colosso tedesco.

Alla luce di questi semplici rilievi, non è difficile capire perché i mercati stiano reagendo così male alle difficoltà della Deutsche Bank. Sul piatto c’è il futuro dell’Europa. Gli analisti sono concordi nell’affermare che la banca deve essere salvata. Ma non tutto è perduto: la vicenda potrebbe rappresentare un punto di partenza per un cambiamento nella gestione del credito privato: se la Germania “salva” le sue banche, gli altri stati membri si sentono incoraggiati a fare altrettanto e il Vecchio Continente si risparmierebbe fallimenti a catena.

Come comprare azioni sui i prezzi ai minimi storici

E' possibile sfruttare i prezzi e la volatilità di questo periodo con il Trading CFD offerto dai migliori broker europei come:

  • plus500-logo-2014-trading-forex-cfd Plus500 con 25 euro gratis per iniziare
  • logo-small-xm XM con 25 euro gratis per iniziare
  • markets_logo  Markets con 25 euro gratis per iniziare
  • iqoption-broker-scalping-opzioni-binarieIQoption per il trading con le opzioni binarie (anche con conto demo gratis)

 

Banche italiane in difficoltà: Unicredit

uncrdweekly

La crisi bancaria colpisce soprattutto l'Italia che ha un sistema molto indebolito dai crediti inesigibili. Unicredit è una delle banche più a rischio e le quotazioni delle azioni dimostrano che gli investitori sono molto preoccupati. Le azioni continuano a quotare sui livelli di 1,90 – 2.15 euro, ovvero sui supporti di lungo periodo che se rotti possono far scendere i prezzi verso i minimi del 2011 a 0,70 euro. Sul grafico settimanale sopra esposto tutti i segnali sono ribassisti (sia ichimoku che TrendGT) e l'unico appoggio psicologico su cui poter fondare un nuovo trend rialzista sono i minimi crescenti che si sono formati da Maggio a Settembre. Se tali minimi continuano a sostenere il supporto allora non ci dovrebbero essere altri pericoli. 

L'ultima candela Weekly del titolo Unicredit ci mostra una pinbar simile a quella di Luglio. Sicuramente potrebbe essere presa in considerazione come livello chiave. Sopra si è long e sotto si è short.

MPS: è un affare comprare azioni?

Ormai non si parla d'altro che della crisi delle banche italiane. I giornali delle ultime settimane riportano delle difficoltà che stanno investendo ancora una volta Monte dei Paschi di Siena, degli alti e bassi che il comparto bancario registra in Borsa e delle dichiarazioni che si susseguono incessanti da parte degli alti vertici Ue in merito alla possibilità che l'Italia possa intervenire per far fronte alla crisi delle sue banche. Anche Unicredit e Posteitaliane sono sotto il mirino degli investitori (vedi analisi e segnali forex proposti a fine articolo).

La crisi delle banche italiane

Ma qual è il problema preciso delle banche nostrane? I nostri istituti di credito sono in difficoltà da parecchio tempo, e a dire la verità lo sono per diverse ragioni: per colpa di dirigenti poco capaci, per colpa di frequenti collusioni con il sistema politico, per l'eccessiva presenza di filiali e di dipendenti e per una sorta di "campanilismo finanziario" che ha portato all'istituzione di decine e decine di istituti microscopici. Questa frammentazione e questa poca lungimiranza, insomma, hanno spianato il terreno affinché il sistema bancario italiano finisse vittima di crediti "deteriorati", contratti cioè con operatori economici che ora non sono più in grado di ripagare quanto ricevuto in prestito.

Cos'è e a cosa serve il Bail In

IT_Education_Center_NEW_1210x250

In questo senso si inserisce il Bail In, ossia lo strumento che regolamenta le crisi bancarie. Il Bail In, altrimenti detto "salvataggio interno", al di là dei tecnicismi prevede sostanzialmente una cosa: che lo Stato non possa intervenire con soldi pubblici per salvare una banca in crisi finanziaria, ma che a salvare l'istituto in difficoltà debbano essere semmai azionisti, obbligazionisti, correntisti e tutt'al più un fondo di garanzia finanziato dalle banche.

Questi principi innescano un meccanismo che fa sì che l'onere del salvataggio di una banca si applichi prima di tutto ad azioni e strumenti di capitale, in secondo luogo ai titoli subordinati, in terzo luogo alle obbligazioni e alle altre passività ammissibili, e solo in quarta e ultima fase ai depositi superiori ai 100mila euro (intestati sia a persone fisiche che a piccole e medie imprese).

Fare trading sulle azioni italiane

In un periodo in cui le banche non se la passano benissimo e in cui anche alcune grandi aziende sembrano cominciare a soffrire di alcune particolari circostanze (come la Brexit, tanto per citare il caso più eclatante consumatosi negli ultimi tempi), in molti ritengono sia opportuno provare a fare trading sulle azioni italiane.

Tra le banche italiane con azioni adatte per il trading online troviamo:

Cosa senz'altro vera, perché da sempre è noto che i migliori affari nel trading arrivino proprio quando i mercati registrano dei bruschi movimenti verso una specifica direzione: in questo senso bisogna comunque ricordarsi di tenere sempre sotto controllo il calendario economico e, nello specifico caso degli investimenti sul comparto bancario, di tenere a bada anche quanto accade nei piani "più alti" (quale può ad esempio essere la movimentazione dello spread).

Unicredit: trading azioni

UNCRDH4In un'ottica di trading su azioni unicredit vi possiamo far notare il rimbalzo deciso del titolo sul supporto di 1,7 che vi avevamo indicato negli articoli precedenti. E' nato anche un TrendGT rialzista che è stato puntuale e preciso. Adesso dopo aver sfiorato 2.25 euro è pronto per una pausa. Il prossimo passo sarà orientato al breakout della kumo che funge da resistenza per spingersi poi fino a 2.61. 

In alternativa l'obiettivo ribassista rimane fissato sul doppio minimo a 1.65 euro.

TrendGT indicatore MT4 gratis

Ricordiamo a tutti i lettori che è possibile scaricare gratis l'indicatore TrendGT per mt4 aprendo un conto trading con uno dei broker partner del sito e previo invio di un'email a admin@guidatrading.com