Home » Guide Trading » Analisi Tecnica » Sterlina: nuovi minimi entro Febbraio?

Sterlina: nuovi minimi entro Febbraio?

Sterlina Dollaro ai minimi del 2009

L'accordo tra la Gran Bretagna e l'Unione europea, per evitare l'uscita della Gran Bretagna dall'UE, continua a indebolire la sterlina ad un livello che non si vedeva dal 2009. Il voto per il potenziale Brexit non è in programma fino al 27 giugno, ma ci sono segni che il dibattito diverrà hot. La grande preoccupazione è la potenziale perdita di business del settore dei servizi finanziari se dovessero lasciare l'UE. Anche se questa paura è reale, e può servire a mobilitare il voto contrario al Brexit, gran parte di questo business sarebbe già andato perduto se non ci fossero sufficienti competenze finanziarie e di capitale a Parigi, Francoforte o Milano.
La paura delle conseguenze negative da Brixit stanno infatti pesando sul mercato, vi è preoccupazione per il dibattito quattro mesi prima del voto. Le grandi banche tendono a diffondere informazioni negativi su un possibile esito positivo del referendum, in modo da creare previsioni di un forte calo della sterlina che dovrebbe lasciare passare il no. 
Storicamente la Gran Bretagna ha un deficit commerciale di conto corrente che è stato compensato da un surplus di capitale a lungo termine mantenendo così la sterlina ad un premio ad altre valute. 

sterlina in caduta

trading indici borsaPrevisioni sterlina: La sterlina è molto debole nei confronti del dollaro ma lo è ancora di più nei confronti dello Yen. Dal grafico sopra potete immediatamente avere le informazioni necessarie per capire che vendere GBPJPY conviene rispetto alla vendita di GBPUSD.

L'UE è il principale partner commerciale della Gran Bretagna.

Dall'inizio del mese di Dicembre l'euro ha guadagnato sulla sterlina da circa 0,7050-0,7915 oggi, e lo ha fatto nonostante l'aumento dei tassi di interesse nel Regno Unito, nonché un tasso di crescita più veloce. Sembra che ci sia già una certa apprensione Brixit prezzo sul mercato. Nel Telegraph oggi Jeremy Warner ha osservato: "Competitive currency devaluation is a zero-sum game that nobody can ultimately win, but that doesn’t stop everyone playing it. Mario Draghi, president of the European Central Bank, would regard it as a policy triumph if he could devalue the euro by 20pc. So there might be reason to celebrate today’s touch of Brexit-inspired weakness in sterling".
La sterlina ha continuato la sua caduta libera, ma c'è il rischio che questa debolezza si riverserà nell'euro.

Sembra che il Regno Unito è in procinto di uscire dalla UE, sarà questa insoddisfazione con la moneta unica e le politiche di austerità tedesche che si tradurrà in altri paesi che vogliono uscire dalla UE o alla moneta unica?

EURUSDDaily

Previsioni eurodollaro: L'eurodollaro si è mostrato molto forte rispetto alla sterlina dollaro. In un'analisi intermarket e di spread trading è consigliato rimanere al rialzo su EURUSD e vendere GBPUSD.

Grecia ancora in crisi

La situazione attuale in Grecia è il risultato di queste politiche, e descritto da John Mauldin: "Greece will likely continue to suffer for a very long time, whereas if the Greeks had left the euro, defaulted on their debts, and devalued their currency, they would likely be enjoying a quite robust recovery. Greece’s present is a possible near future for other countries in Europe (Portugal is likely to be next, and Italy will surprise everyone with its severe banking problems), which is why the European Central Bank is so desperately fighting the deflationary impulse embedded in the very structure of the European Union. "
Se Mauldin ha ragione, l'euro potrebbe cominciare a preoccuparsi di ciò che l'azione della BCE avrà in occasione della prossima riunione di Marzo. EuroUSD sotto 1 ?

+500

Antonio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

twitter

Google e Facebook pronti per l’acquisto di Twitter?

Può esistere un social network di nicchia? La risposta è positiva, se si punta a una redditività bassa. E’ quanto ha sperimentato Twitter, che nell’ultimo anno si è scoperto “meno di massa” rispetto a quanto sperasse. Gli utenti non stanno crescendo, gli introiti nemmeno, sicché la piattaforma cinguettante sembra ormai appannaggio di un pubblico ben definito e circoscritto, forse troppo. Se questa è la dimensione che spetta a Twitter, allora emerge chiaro un problema di ...