Home » News » Previsioni forex 2013

Previsioni forex 2013

Previsioni forex 2013

Dopo essere scampati alla fine prevista per il 21 dicembre è ora di guardare avanti e fare previsioni, ma fortunatamente questa volta non apocalittiche. Parliamo di previsioni forex 2013, ebbene sì, siamo solo agli inizi e già si cominciano a fare le prime previsioni sui tassi di cambio e in particolare sul dollaro USA.

Le previsioni per il 2013 non vengono di certo dai Maia, ma dalle banche più importanti del panorama internazionale: Citibank, Goldman Sachs, HSBC, e BNP Paribas.

Nonostante non si possa parlare di certezze e, come succede spesso, a dettare legge non è la previsione ma l’evoluzione dei mercati finanziari, tali previsioni sono comunque utili per capire generalmente la predisposizione di molti investitori. Il protagonista indiscusso è il dollaro USA che, dopo il pericolo ( scongiurato? ) del precipizio finanziario torna ad essere una delle monete preferite dagli investitori.

PREVISIONI DOLLARO 2013 

Per quanto riguarda la valuta del vecchio continente avremo, secondo le previsioni, un calo rispetto al dollaro che salirà nei confronti dell’euro di circa il 2,6%. Contro la sterlina invece avremo un rialzo dell’1,4% e del 2,1% sul franco svizzero.
L’unica moneta che sembrerebbe poter tenere testa alla salita profetica del dollaro è lo yen che, secondo le previsioni, dovrebbe battere il dollaro.

PREVISIONI SÌ, MA ATTENTI AL MERCATO

Nonostante le previsioni vengano fatte in base a parametri macroeconomici va sempre ricordato che il mercato, e quindi il prezzo, subisce variazioni inaspettate. Basta infatti che uno dei parametri delle previsioni risulti errato ed ecco che si sgretola tutto. Prendiamo le previsioni quindi per ciò che sono, ossia, per semplici linee guida. Occhi sempre puntati sul mercato quindi!

+500

Antonio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

twitter

Google e Facebook pronti per l’acquisto di Twitter?

Può esistere un social network di nicchia? La risposta è positiva, se si punta a una redditività bassa. E’ quanto ha sperimentato Twitter, che nell’ultimo anno si è scoperto “meno di massa” rispetto a quanto sperasse. Gli utenti non stanno crescendo, gli introiti nemmeno, sicché la piattaforma cinguettante sembra ormai appannaggio di un pubblico ben definito e circoscritto, forse troppo. Se questa è la dimensione che spetta a Twitter, allora emerge chiaro un problema di ...