Home » News » Petrolio WTI +14%, Eni +20%: prospettive di borsa

Petrolio WTI +14%, Eni +20%: prospettive di borsa

Petrolio e borse azionarie al rialzo

In questi giorni la ripresa del petrolio ha influenzato positivamente l’andamento dei mercati e di alcuni titoli azionari come ENI.

L’incremento si è registrato in corrispondenza alle dichiarazioni del ministro petrolifero del Venezuela che nel mese di Marzo incontrerà gli esponenti di Russia, Arabia Saudita e Qatar per promuovere la stabilizzazione dei prezzi e per riacquistare la fiducia degli investitori. Inoltre dai primi accordi di Arabia Saudita, Russia, Venezuela e Qatar per congelare la produzione ai livelli di Gennaio le quotazioni di WTI sono aumentate a +14%. Poi ancora l’offerta di crude negli Stati Uniti scende ancora alla notizia della riduzione della produzione, contribuendo positivamente al recupero dei prezzi del petrolio.

Nella tabella sottostante i valori di Brent e di WTI in tempo reale:

Si pensa che una soluzione per rendere il mercato più stabile e riavere la fiducia degli investitori sia quella di spezzare il legame tra le quotazioni azionarie e l’andamento del petrolio. Si è arrivati a ciò a causa della pratica dei fondi sovrani. Infatti molti produttori per coprire le perdite del crollo del petrolio in bilancio hanno provveduto ad attingere al fondo sovrano e dunque hanno venduto partecipazioni azionarie. Dunque solamente separando il legame tra quotazioni azionarie e andamento del petrolio si potrà confidare in un mese di marzo molto più stabile.

L’Opec taglia la produzione di petrolio e incoraggia gli investitori

L’Opec taglia temporaneamente la produzione di petrolio per oltre 800mila barili al giorno a causa di un problema che ha provocato l’interruzione  di due oleodotti in Kurdistan e Nigeria. Anche questa notizia ha inciso positivamente sulla ripresa del greggio che ha incoraggiato ulteriormente gli investitori.

trading petrolioCome investire sul petrolio?

E’ possibile investire sul petrolio attraverso diversi strumenti finanziari, quali:

  • Trading con broker opzioni binarie
  • Trading di azioni con broker o banche
  • Acquistando in Borsa azioni legate alle principali società del settore petrolifero (Eni, Saipem, Saras, Terna, Bernstein, Tenaris)
  • ETC legate al prezzo del petrolio, sfruttando le leve finanziarie.

Per investire sul petrolio potrai ad esempio iniziare con il trading CFD con il broker forex XM. Si tratta di un broker forex  che ha ottenuto le principali Licenze CySEC, Consob e altre che gli permettono di operare sul mercato in condizioni di sicurezza e trasparenza. Sul nostro sito è disponibile una recensione completa del broker e potrai creare il tuo account XM direttamente cliccando  qui e attivando un conto demo per provare a fare trading sul petrolio.

Il broker XM offre inoltre un bonus gratuito senza deposito pari a 25 euro, che una volta registratosi verrà accreditato sul conto di trading e ti permetterà di provare la piattaforma di trading con dei soldi reali. 

Previsioni e analisi grafici petrolio Brent

BRENT petrolio trading

Dal grafico del Brent con applicato il sistema Ichimoku ci mostra un trend di forza rialzista con obiettivi tra 37 e 39 dollari. Si evidenzia una fase di breakout della prima resistenza con la Chikou Span che in modo deciso taglia la Kijun. L'unica insicurezza che ci trattiene nell'investire forte al rialzo è la presenza del prezzo dentro la kumo.

Previsioni e analisi azioni Eni

EN.IDaily

Le azioni ENI reagiscono in modo deciso al minimo registrato in Febbraio riuscendo a recuperare quasi il 20% in 15 giorni. Il titolo ENI è stato spinto dalle indiscrezioni sulla stabilizzazione dei prezzi del petrolio e anche dai buoni risultati economici attesi dall'azienda per il 2016.

Tecnicamente si intravede anche in questo caso un prezzo in rialzo sulla kumo con obiettivi sui 14 euro. Si vede anche un incrocio rialzista (debole ma c'è) tra tenkan e kijun sen.

+500

Antonio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

twitter

Google e Facebook pronti per l’acquisto di Twitter?

Può esistere un social network di nicchia? La risposta è positiva, se si punta a una redditività bassa. E’ quanto ha sperimentato Twitter, che nell’ultimo anno si è scoperto “meno di massa” rispetto a quanto sperasse. Gli utenti non stanno crescendo, gli introiti nemmeno, sicché la piattaforma cinguettante sembra ormai appannaggio di un pubblico ben definito e circoscritto, forse troppo. Se questa è la dimensione che spetta a Twitter, allora emerge chiaro un problema di ...