Home » News » Futuro energetico Italiano da fonti rinnovabili?

Futuro energetico Italiano da fonti rinnovabili?

Mentre paesi come la Germania, ormai da anni investono su un futuro che produrrà energia quasi esclusivamente da fonti rinnovabili, in Italia siamo ancora davvero indietro, eppure il vento, il sole o le biomasse non mancano di certo.

Se i Tedeschi investono sull’energia solare e progettano di liberarsi dal petrolio nel giro di 20-30 anni, perché non possiamo farlo anche noi che sicuramente di sole e vento ne abbiamo più di qualsiasi altro paese Europeo?

Eppure, dei segnali, seppur timidi, sembrano dirci che la strada giusta la stiamo percorrendo, ancora troppo lentamente però se ci paragoniamo ad altri paesi che sotto questo punto di vista sembrano correre con una Ferrari.

Terna, una delle aziende più importanti proprietarie della Rete di Trasmissione Nazionale di energia elettrica ad alta tensione, tramite un convegno organizzato dal Gse, ha trasmesso i dati su una ricerca condotta da Althesys riguardanti i vantaggi provenienti da fonti rinnovabili.

Dallo studio emerge che il lunedì di Pascquestta, in Sicilia, il 94% dell’energia prodotta durante le ore 13-14 proveniva da fonti rinnovabili con un costo energetico pari a zero, mentre a livello Nazionale si raggiungeva circa il 60%.

Immagine prelevata da cianciullo.blogautore.repubblica.it/

Attualmente però, la media annua Nazionale è del 26%, troppo lontani ancora da quei risultati che potrebbero farci allontanare non solo dai combustibili fossili che stanno strozzando l’economia e lo sviluppo, ma anche proiettarci verso un futuro più pulito, sostenibile, efficiente, con minori sprechi ed aperto a nuovi posti di lavoro.

Tuttavia, siamo davvero pronti a questa rivoluzione, oppure come sempre finiremo per comportarci dai soliti “furbi” Italiani? Il futuro non è il petrolio, e ce ne stiamo accorgendo con i prezzi della benzina alle stelle e degli alti costi dell’energia elettrica. Dobbiamo svincolarci il prima possibile dalla morsa delle centrali nucleari Francesi e dall’oro nero Arabo che condizionano il nostro vivere.

Putroppo, ogni rivoluzione farà i suoi morti, ed ovviamente chi si sentirà minacciato lotterà per difendersi con ogni risorsa disponibile. Il problema è quindi superare questi muri, infrangerli, buttarli per terra, anche con le ruspe se fosse il caso, perché gli altri paesi non ci aspettano e noi come al solito rischiamo di arrivare ultimi e di perdere terreno per difendere il passato.

Il post è stato scritto prendendo spunto da: Fonte Nozitia e Dati

+500

Antonio

1 Commento

  1. Pingback: upnews.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

twitter

Google e Facebook pronti per l’acquisto di Twitter?

Può esistere un social network di nicchia? La risposta è positiva, se si punta a una redditività bassa. E’ quanto ha sperimentato Twitter, che nell’ultimo anno si è scoperto “meno di massa” rispetto a quanto sperasse. Gli utenti non stanno crescendo, gli introiti nemmeno, sicché la piattaforma cinguettante sembra ormai appannaggio di un pubblico ben definito e circoscritto, forse troppo. Se questa è la dimensione che spetta a Twitter, allora emerge chiaro un problema di ...