Home » News » Bruce Kovner, un trader da 300 milioni di dollari all’anno

Bruce Kovner, un trader da 300 milioni di dollari all’anno

Migliori traderÈ sempre affascinante conoscere la storia dei grandi trader, soprattutto se ancora oggi questi personaggi riescono ad ottenere performance da capogiro. Molti sono i trader che hanno avuto successo, uno di questi personaggi si chiama Bruce Kovner.
Nonostante sia uno dei migliori trader presenti sulla piazza, Bruce, non ha mai voluto farsi pubblicità, preferisce restare nell’anonimato e continuare a gestire i suoi 650 milioni di dollari che, annualmente, gli garantiscono un profitto di ben 300 milioni.

Bruce Kovner non ha mai amato essere al centro dell’attenzione, ma fortunatamente, grazie ad una intervista fatta da Jack Schwager qualche tempo fa, sappiamo qualcosa della vita di questo milionario.
Bruce Kovner ha sempre avuto una passione particolare per le valute e per i tassi di interesse, ha iniziato la sua carriera di trader lavorando per delle compagnie di materie prime. All’inizio Bruce gestiva 35.000 dollari per queste compagnie, ovviamente, come lavoratore dipendente, nel frattempo però investiva anche il suo capitale, allora le compagnie di materie prime lo consentivano.

Per lui fu una vera fortuna conoscere Michael Marcus, un’altra leggenda del trading che gli insegnò le basi della disciplina. L’insegnamento più grande ricevuto da Marcus è stato quello relativo alla possibilità di raggiungere grandi cifre attraverso l’attività di trading, ovviamente, a patto di conoscere le regole del gioco e di essere determinati, lucidi, razionali e mai, per nessuna ragione, avari. Un alto insegnamento fondamentale ricevuto da Marcus è stato quello relativo alle perdite, queste sono del tutto naturali nell’attività di trading e servono a fortificare la capacità di analisi.

ECCO COME DEVE ESSERE UN TRADER PER BRUCE KOVNER

Secondo Bruce Kovner un trader non deve avere né un intelligenza particolare né un grande capitale, la prima caratteristica di un trader è la disciplina. Solo se una persona riesce ad auto-disciplinarsi può diventare un trader di successo, altrimenti è destinato ad abbandonare il business dopo poco tempo. Bruce ha formato 30 trader nella sua carriera, ma solo 5 operano ancora oggi sul mercato, la restante parte non è riuscita a rispettare l’unico requisito importante, gli altri trader hanno perso la testa dopo i primi guadagni e hanno abbandonato l’auto-disciplina per seguire le emozioni che il mercato offre, nel bene e nel male.

+500

Antonio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

twitter

Google e Facebook pronti per l’acquisto di Twitter?

Può esistere un social network di nicchia? La risposta è positiva, se si punta a una redditività bassa. E’ quanto ha sperimentato Twitter, che nell’ultimo anno si è scoperto “meno di massa” rispetto a quanto sperasse. Gli utenti non stanno crescendo, gli introiti nemmeno, sicché la piattaforma cinguettante sembra ormai appannaggio di un pubblico ben definito e circoscritto, forse troppo. Se questa è la dimensione che spetta a Twitter, allora emerge chiaro un problema di ...