Home » Guide Trading » Azioni » Azioni Eni, Giugno positivo: come sfruttare l’onda di rialzo

Azioni Eni, Giugno positivo: come sfruttare l’onda di rialzo

Eni, acronimo di Ente Nazionale Idrocarburi, è un colosso italiano del comparto energetico attivo dagli anni '50 nell'estrazione, lavorazione e distribuzione di gas naturale e petrolio. Nel settore degli idrocarburi, questa multinazionale è considerata la quinta più potente al mondo, fatto che spiega la stabilità finanziaria del gruppo, che è quotato sia a New York che alla Borsa di Milano.

Rialzo Azioni Eni, ecco perché

Il mese di Giugno è stato fin qui particolarmente proficuo per il titolo Eni, che si è rafforzato anche in concomitanza di prestazioni negative del FTSE MIB. Il rialzo potrebbe essere attribuito al nuovo piano strategico triennale reso pubblico di recente, con il quale si sono intraprese delle misure per ridurre i rischi ed orientare al meglio le spese future. Il programma si basa su delle prospettive di aumento del prezzo del petrolio, che secondo le stime dei vertici dell'azienda dovrebbe raggiungere quota 65 dollari al barile, partendo dagli attuali 40 dollari. Queste indicazioni pare abbiano convinto gli investitori, facendo alzare il titolo Eni nel corso dei primi giorni del mese: ora il prezzo delle azioni ha superato quota 14 euro, dopo essere sceso sotto i 13 euro alla fine di Maggio 2016.

EN.IWeekly

Osservando i dati storici del titolo, si può notare come questo abbia perso una parte consistente del suo valore nel corso dell'ultimo anno, per via delle turbolenze finanziarie che hanno caratterizzato il prezzo del greggio. Le difficoltà nel trovare un punto di convergenza nelle trattative condotte dai paesi produttori, unite ad un calo della produzione cinese, hanno causato una discesa inesorabile delle quotazioni del petrolio, fatto che a sua volta ha avuto un forte impatto negativo su tutte le aziende del comparto degli idrocarburi e le imprese del relativo indotto. Anche le azioni Eni hanno risentito parecchio della tendenza degli scorsi 24 mesi, passando dai 20 euro dell'estate del 2014 ad un minimo di 11,66 euro all'inizio dell'anno.

Come investire con le azioni e titoli Eni 

Chi intende cavalcare l'attuale momento positivo del titolo, potrà cimentarsi con i CFD di Eni con le piattaforme di trading online, tentando di aprire delle “long position” nei prossimi giorni e guadagnando sulla differenza del valore del sottostante.

Ad esempio con i broker Plus500 plus500-logo-2014-trading-forex-cfd, Markets markets_logo e STO supertradingonlineè possibile fare trading sulle azioni ENI in tempo reale. Noi vi abbiamo proposto un grafico settimanale con l'Ichimoku che vi mostra chiaramente che i prezzi sono sulla prima resistenza di lungo periodo e se questa verrà violata allora si potrà valutare il ritorno verso i target 15.30 e poi 16.8 euro.

E' possibile investire anche con i broker per opzioni binarie, ad esempio con 24option, cercando di prevedere correttamente la direzione delle quotazioni delle azioni di Eni nel medio, breve e brevissimo termine: con le funzioni di speed trading a scadenza di 60 o addirittura 30 secondi si potranno ottenere dei risultati in un arco di tempo ristretto.

Anche in questo caso vi consigliamo di applicare l'indicatore Ichimoku assieme al TrendGT.

+500

Antonio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

twitter

Google e Facebook pronti per l’acquisto di Twitter?

Può esistere un social network di nicchia? La risposta è positiva, se si punta a una redditività bassa. E’ quanto ha sperimentato Twitter, che nell’ultimo anno si è scoperto “meno di massa” rispetto a quanto sperasse. Gli utenti non stanno crescendo, gli introiti nemmeno, sicché la piattaforma cinguettante sembra ormai appannaggio di un pubblico ben definito e circoscritto, forse troppo. Se questa è la dimensione che spetta a Twitter, allora emerge chiaro un problema di ...